Si annuncia un gennaio di maxi rincari per le famiglie

Il calcolo viene fatto da Adusbef e Federconsumatori, alla luce dell’introduzione dell’Imu, dei rincari dei carburanti e delle varie voci della spesa degli italiani. Si tratta, affermano, di “aumenti insostenibili con pesantissime ricadute sulla vita delle famiglie e sull’intera economia alle prese con una profonda crisi dei consumi”.

Dal primo gennaio 2012 le tariffe autostradali sulla rete di Autostrade per l’Italia registreranno un incremento del 3,51%. Lo rende noto la società, precisando che l’adeguamento tariffario e’ il risultato di: +1,47% per l’inflazione, +1,99% per gli investimenti e +0,05% per la remunerazione di nuovi investimenti.

 Nuovi rincari per le bollette energetiche. Dal primo gennaio, secondo quanto deciso dall’Autorità per l’energia, la luce registrerà un aumento del 4,9% e il gas del 2,7%.

Il 2011, sottolineano le associazioni in una nota, si è già chiuso “con un bilancio estremamente pesante per le famiglie. Gli aumenti record dei carburanti, l’aumento dell’Iva e la crescita dei prezzi e delle tariffe hanno messo a dura prova i bilanci delle famiglie”. Ma “viste le premesse il 2012 rischia di essere ancora peggio”. L’osservatorio nazionale Federconsumatori ha calcolato che l’aumento di prezzi e tariffe il prossimo anno, anche alla luce degli effetti delle manovre economiche varate quest’anno, arriverà al “risultato drammatico di +2.103 euro a famiglia”, praticamente quasi la metà di quanto una famiglia media spende per la spesa alimentare in un anno. “E’ ora di puntare sul rilancio: – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – ripresa della domanda di mercato, liberalizzazioni e investimenti per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico. Questi dovranno essere i ‘buoni propositi’ del Governo per l’anno nuovo”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin