Progetti Integrati Strategici Locali per Crotone

La firma dei protocolli inerenti ai Pisl significa usufruire di finanziamenti per oltre 40 milioni di euro. Alla firma dei protocolli hanno partecipato, oltre al presidente Stanislao Zurlo, l’assessore Giovanni Lentini, i Sindaci del territorio, la dirigente Mariateresa Timpano, il funzionario Carmine Rossi, i rappresentanti del partenariato.

Tale risultato si è raggiunto dopo il lavoro svolto dall’Assessore provinciale Giovanni Lentini insieme ai Sindaci del territorio. Un lavoro improntato all’ascolto, alla mediazione ed alla sintesi, così lo ha definito Lentini.

Il finanziamento sarà suddiviso in vari settori d’investimenti alcuni dei quali denominati Stl Madre natura, Padre cultura:la Provinciadi Crotone tra natura, cultura ed enogastronomia (18,2 milioni di euro).

Pisl-Spl percorsi produttivi: nuove opportunità per piccole e medie imprese (10,35 milioni di euro).

La tipologia di intervento proposte dai Pisl riguardano i servizi di mobilità intercomunale (si firmeranno nei prossimi giorni), i sistemi per la qualità della vita, i sistemi turistici locali, i sistemi produttivi locali, distretti agroalimentari e rurali. Inoltre, i Pisl sono predisposti anche per dare attuazione ad altri progetti integrati strategici regionali che riguardano il contrasto allo spopolamento dei Comuni, la tutela del patrimonio antropologico ed azione di recupero e valorizzazione degli edifici pubblici o di pubblico interesse.

“Per l’assessore Giovanni Lentini il 28 novembre 2011 è una data storica, senza voler scomodare la storia, in quanto il territorio attraverso i suoi rappresentanti ha dimostrato che esiste una filosofia che regge lo sviluppo del crotonese, troppo spesso dimenticato e ripiegato su se stesso”.

La scadenza del bando per partecipare a tali progetti è prevista per le ore 14.00 del prossimo 12 dicembre.

La prima parte della burocrazia per mettere in circolazione diverse decine di milioni di euro nella Provincia di Crotone attraverso i Pisl è stata espletata, adesso occorre mettere in essere quella più difficile: la cantierizzazione dei progetti per dare una boccata d’ossigeno all’occupazione. Tra un protocollo già firmato, ed altri che se ne dovrebbero firmare a giorni, l’amministrazione provinciale è chiamata a dover risolvere il problema della viabilità che da Crotone porta a Capo Colonna. Tredici chilometri dissestati che rendono impraticabile la percorrenza. L’assessore provinciale Marcello Praticò ha dichiarato che la situazione è sotto controllo, ma non ha annunciato l’inizio dei lavori del manto stradale che in alcuni tratti è pieno di buche.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin