Confindustria vibonese vicina ai dirigenti comunali attenzionati

“Apprendiamo dalla stampa il persistere di atti intimidatori nei confronti dei dirigenti del Comune di Vibo Valentia e desideriamo esprimere la nostra più totale condanna ad azioni così vili e criminose, tendenti a destabilizzare l’equilibrio politico e civile dell’Amministrazione cittadina”.

Così i Presidenti di Confindustria ed Ance Vibo Valentia Domenico Arena e Fausto Marino, commentano i noti fatti intimidatori che hanno colpito Adriana Teti prima e Pasquale Scalamogna dopo, rispettivamente responsabili del settore Affari Generali e di quello dei Lavori Pubblici del Comune Capoluogo ed ai quali i numeri uno degli Industriali e dei Costruttori Vibonesi, vogliono pubblicamente manifestare la più sincera solidarietà.

“Non più tardi di qualche giorno fa siamo stati costretti a registrare l’ennesimo atto intimidatorio ai danni di una impresa associata – dichiarano ancora i Presidenti – oggi l’impressione è che tali “avvertimenti” riguardano sempre più anche chi governa e gestisce la res pubblica e quindi tutti i cittadini indistintamente.

Il nostro messaggio seppure sempre il medesimo, deve essere quindi sempre più forte e coinvolgere tutta quella gente sana che non vuole e non può arrendersi alla cultura dell’illegalità, della tracotanza e della sopraffazione, oggi bisogna essere ancora più uniti di ieri e domani ancora più di oggi, perché dobbiamo dare un futuro alla nostra Terra che non può essere quello del delinquere sociale ed economico”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin