Il governo abolisce la gratuità dei libri di testo nella scuola elementare

480

“L’ennesimo colpo inflitto alla economia domestica, è la volta dei libri di testo scolastico che fino all’anno scorso erano consegnati gratuitamente. Il killer di questo ennesimo atto vandalico nei confronti delle famiglie Italiane è il Ministro dell’Interno Roberto Maroni Anche se il mandante è sempre lo stesso,  cioè il Governo Berlusconi, quel Governo che continua a dire che non mette le mani nelle tasche degli Italiani, è il Governo della faccia tosta. Speriamo solo che tutti gli Italiani si ricorderanno di tutto ciò che sta accadendo nel nostro Paese. Gia perché il fedelissimo Alfano PdL, ha confermato la  candidatura di Berlusconi per le prossime elezioni 2013. Questo ennesimo colpo, costringerà le famiglie a mettere mano al portafoglio, per ulteriori 100-150 euro per i soli libri di testo. Ma il colpo più grave lo subisce la costituzione, che prevede all’art.34 come: “L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”. Ma naturalmente questi Signori sono talmente prepotenti che se ne fregano di tutto quanto scritto e previsto dalla nostra Costituzione. Sarà pur vero che in un momento di crisi economica, non solo di casa nostra, ma mondiale, c’è bisogno di tirare la cinghia, il problema è sempre lo stesso, a pagare devono essere sempre i soliti. Dunque mancano i 103 milioni di euro per l’acquisto dei libri di testo per le elementari? Benissimo, noi proponiamo, il taglio al rimborso elettorale ai partiti, per  il 50% di questa somma, l’altro 50%  al finanziamento all’editoria, se è una questione di bilancio, ma se non lo è allora è l’ennesimo furto ai danni dei cittadini. Giacché ci troviamo in argomento, e non vuole essere demagogia, perché se solo avessimo un giorno l’onore di rappresentare una fetta dell’elettorato, oltre alla dotazione dei libri di testo, gratuita,  noi prevediamo nel nostro programma, anche un corredino scolastico annuo per le classi elementari. Dove prendiamo i soldi? Da tagli ai  costi della politica”. E’ quanto dichiara al giornale Enzo Grillo, Movimento Progressisti Italiani.