‘A cannàta sàna

Comu si dàssa n’amùri di tànti ànni

e còmu ‘o vèntu chi voi u iampri i panni

Ormai no’ si pòti sarvàri nènti

pìcchì tu si pèggiu du serpènti

Ti tìnia còmu sèrpi ‘nta cannàta

fìnu a quàndu ‘a trùvai tùtta spaccàta

Io prùvai u pòrtu l’àcqua ‘nta cannàta rùtta

ma cu’ vèru amùri no’ si stàci mài di sùtta

Si ti sìrvia sùlu pì tàntu hàviri

allùra pì sta vìta mìa dassìmi jìri

E pì quàndu tròvu nàtra sàna cannàta

vègghju u ti càntu pùru ‘a sirinàta.

La brocca intera

Come si fa a lasciare un amore dopo tanti anni

e come se  al vento che volessi stendere  i panni.

Ormai non si può salvare niente

perché  sei peggiore del serpente.

Ti tenevo come una serpe nella brocca

fino a quando l’ho trovata tutta spaccata.

Io ho provato a portare l’acqua dentro la brocca rotta

ma con il vero amore non si sta mai sottomessi

Se ti servivo solo per tanto avere

allora per questa vita mia lasciami andare.

E per quando troverò  un’altra brocca intera

verrò a cantare per te anche la serenata.

Anticamente, per rendere pura e limpida l’acqua nei contenitori, specie nelle cisterne, si introduceva una biscia o un’anguilla che aveva il compito di depurarla inghiottendo tutte le impurità che potevano cadere dentro.  Come si fa a lasciare un amore dopo tanti anni?