L’amùri di ‘na figghja pi’ nu’ patri

L’amùri di na’ fìgghja pi’ nu’ pàtri
arrìvai a tìa dòpu tànti stràti
Io vùlia u lèggi ‘sti pòisi chi scrìssi
e u ti scordi i chìju chi ti
dìssi
‘U bèni pi’ tìa fù sèmpi pùru e nèttu
fìnu a quàndu pi’ n’àtru òmu no’ trùvai riggèttu
Io pi’ tìa èra cumpàgna di vìta e lavùru
di sìra ‘nta abbàllu fìnu ‘ntò scùru
Parràti cunsìgghji e ‘ncazzàturi
fìnu a quàndu arrivàru chìji brùtti ùri
Io nu’ jòrnu prùvai amùri pì n’òmu
e tu fùsti nu’ làmpu e pùru nu’ trònu
Io cìrcai u ti tèggnu còmu pàtri ancòra
ma sènza di tìa mi trùvai fòra
St’amùri u pirdìvi e no’ pì tìa sulamènti
e òggi ti pènzu e ti dàssu ‘nta ‘sta mènti
Ti tròvu ‘nta l’amìci e ‘nta tùttu attòrnu
e spèru u ‘ndì vidìmu pùru ‘nc’ùnu jòrnu
Intàntu ti dìcu ca’ ti vògghju bèni e ti chjàmu
mo jìsu ‘sta tèsta e piìgghjami da mànu
Accumpagnàmi ‘nta chìsti tànti stràti
u pìgghju chìja giùsta no’ pi tìa pàtri
L’amore di una figlia per un padre

L’amore di una figlia per un padre
sono arrivata a te dopo tante strade
Io volevo che tu leggessi queste poesie che ho scritto
e dimenticarti di quello che ti ho detto
Il bene per te è stato sempre puro e pulito
fino a quando per un altro uomo non ho trovato pace
Io per te ero compagna di vita e lavoro
di sera nel ballo fino al buio
Parole  consigli e incazzature
fino a quando arrivarono quelle brutte ore
Io un giorno ho provato amore per un altro uomo
e tu sei stato un lampo e pure un tuono
Io ho cercato di tenerti come padre ancora
ma senza di te mi sono trovata fuori
Questo amore l’ho perso e non per te solamente
e oggi ti penso e ti lascio in questa mente
Ti trovo negli amici e in tutto attorno
e spero che ci rivedremo pure qualche giorno
Intanto ti dico che ti voglio bene e ti chiamo
adesso alzo questa testa e prendimi per mano
Accompagnami in queste tante strade
a prendere quella giusta e non solo per te padre

La poesia è autobiografica e racconta del padre partito da anni per il viaggio senza ritorno, amico e compagno di vita poi la scelta di un amore che non condivideva e a sempre  combattuto spietatamente. Prima che morisse l’incontro: “un abbraccio papà, ti voglio bene”.