‘Na Rosa Calabrisi

Tanti mi dicinu ca ‘ntà Calabria no ‘nc’è nenti
‘mpaddativi i manichi e tirati fora i denti
Parra una di tanti Rosi Calabrisi
chi ogni jornu si jascia li spisi
Nu morzu di pani ‘ndì nesci du suduri
ma quandu parru da’ terra mia parru cu’ amuri
E comu ogni pianta havi u postu soi ‘ntò mundu
io fora da Calabria senza dija mi cumpundu
Ca’  vogghju u restu e cu ‘a libertà mi cunzolu
e cu’ l’ali da poisia ‘nta tuttu u mundu mi ‘dì volu

 

Una Rosa Calabrese

Tanti mi dicono che in  Calabria non c’è niente
rimboccatevi le maniche e tirate fuori i denti
Parla una delle tante Rose Calabresi
che è da tanti anni che si guadagna le spese
Un pezzo di pane ci esce dal sudore
ma quando parlo della terra mia parlo con amore
Nella terra forestiera non so stare
qua vivo solo d’amore sole e di mare
E’ come ogni albero ha il posto suo nel mondo
io fuori della Calabria senza di lei mi confondo
Qua voglio rimanere e con la libertà mi consolo
e con le ali della poesia in tutto il mondo volo

Vivere liberi nella propria terra è stata sempre l’aspirazione di ogni uomo, poco importa essere ricchi. Anzi la povertà ci rende liberi dall’attaccamento ai beni terreni e ci offre l’opportunità di osservare cose molto più profonde dell’avere. Un uomo  nascendo può dare i suoi frutti a tutto il mondo ma le radici dovrebbero sempre  rimanere  ben radicate nella propria terra d’origine. La Calabria terra di mare di sole e di libertà. Rimanere per costruire il futuro.