I sòrdi

I sòrdi i cèrca cùi ‘ndàvi gìa tànti

e si cercànu pi’ grazìa pùru e Sànti

Ma cùi i ‘mbènto na’ vòta ‘stì sòrdi

cà si no’ ‘nc’èranu no’ èramu tàntu ‘ngòrdi

Era mègghju o tèmpu di cangiàturi

quàndu si cambiàva ‘u pàni cu’ lavùru e sudùri

‘U pinzèri èra sùlu o zappàri na’ jùrnata

e a sìra rànu e ògghju na’ cannàta

Si pagàva cu’ rànu no’ sùlu ‘u varvèri

‘u scarpàru ‘a mammìna ‘u mascìu custurèri

Tùttu èra mègghju fìnu a quàndu arrivàru i sòrdi

chi fànnu vinìri ‘a vìsta pùru a l’òrbi

Pi’ sòrdi no’ guardàmu cchjù nènti

ne’ mòrti di fàmi ne’ a povìra gènti

‘A nànna mìa dicìa guàrda i figghjòli nìnni

quàndu nescìnu o ajattànu e mìnni

Vìdi cà tenìnu i manicèji chiùsi a pùgni strìtti

stringìnu ‘a vìta picchì nuju dìji ‘a vìtti

Ma quàndu arrìva ‘a mòrti guàrda i cristìani jùti

cà japrìnu i pùgni e su già ‘ndurùti

Cùsi e ‘a vìta no’ tàntu f’affannàti

giùvini schètti e pùru maritàti

I sòrdi no’ su nènti amùri è ‘mportànti

mègghjiu salùti e ànni di vìta tànti

Cà cùi hàvi ‘a salùti è rìccu e no’ sàpi

e  ’u saccùni di sòrdi ‘nta chìji dùi mètri no’ càpi

I soldi

I soldi li cerca chi già ne ha tanti

e si cercano per grazia pure ai Santi

Ma chi li ha inventati una volta questi soldi

che se non ci fossero stati non saremmo stati tanto ingordi

Era meglio al tempo dei “Cangiaturi”

quando si scambiava il pane con il lavoro e il sudore

Il pensiero era solo zappare una giornata

e alla sera grano e olio in una brocca

Si pagava con il grano non solo il barbiere

il calzolaio l’ostetrica e il sarto

Tutto andava meglio fino a quando sono arrivati i soldi

che fanno venire la vista pure ai ciechi

Per soldi non guardiamo più niente

ne morti di fame ne la povera gente

Nonna mia diceva guarda i bambini piccoli

quando nascono e allattano al seno

Vedi che tengono le manine chiusi a pugni stretti

stringono la vita perché nessuno di loro l’ha vista

Ma quando arriva la morte guarda i Cristiani andati

che aprono i pugni e sono già induriti

Cosi è la vita non tanto vi affannate

giovani liberi e pure sposati

I soldi non sono niente l’amore è importante

meglio la salute e tanti anni di vita

Perché chi ha la salute è ricco e non lo sa

e il sacco di soldi in quei  “Due metri “ non entra.

Con questa poesia si effettua un “tuffo” nel passato quando la gente anche senza soldi si aiutava uno con l’altro. Nessuno moriva di fame …I  soldi hanno cambiato il mondo. Tanta ingordigia, avidità e cattiveria. Il denaro  ha portato benessere ed autonomia ma non aggiunge niente per la felicità …..