‘A ‘mbidia di Rosetta Pontoriero

‘A ‘mbidia

Subba ‘a ‘sta terra di quandu niscimu

‘a ‘mbidia ‘ndi futti finu a quandu murimu

Chi faci ‘u vicinu havi ‘a machina nova

forsi ‘o Pataternu ‘ncì purto frischi l’ova

Passa ‘a vita e ‘cchjù vulimu

arriva ‘a morti e nenti avìmu

Iamu videndu aundi si pigghjia cchjù sordi

e poi cu’ frati divintamu cchjù ‘ngordi

Pinzamu u futtimu ‘u primu ‘o matinu

u veni ‘a sira cu’ gurzuni chinu

‘A ‘mbidia è na’ brutta cumpagna

chi no’ ‘ndì dassa e no’ si spagna

D’aundi nesci no’ si sà

no’ certu da cchjù randi bonta

Pì ccùi havi assai e no’ s’accuntenta

e pì ‘ccùi havi pocu e sempi si turmenta

‘Ncì dicu no’ t’affannari ‘u cogghji ricchizzi

tantu arrivanu ‘o pettini tutti i cujizzi

E pì quandu partimu chiju randi jornu

no’ bastanu tutti stì ricchizzi pì fari lu ritornu.

L’invidia

Su questa terra da quando nasciamo

l’invidia ci frega fino a quando moriamo

Che fa il vicino ha la macchina nuova

forse al Padre Eterno gli ha portato le uova fresche

Passa la vita e più vogliamo

arriva la morte e niente abbiamo

Vediamo dove si prende più soldi

e poi con il fratello diventamo più ingordi

Pensiamo a fregare il primo al mattino

arrivando a sera con il sacco pieno

L’invidia è una brutta compagna

che non ci lascia e non ha paura

Da dove nasce non si  sa

non certamente dalla più grande bontà

Per chi ha molto e non si accontenta

e per chi ha poco e sempre si tormenta

Gli dico non ti affannare a raccogliere ricchezze

tanto arrivano al pettine tutti i nodi

E per quando partiamo quel grande giorno

non bastano tutte queste ricchezze per fare il ritorno.

“La poesia sull’invidia – scrive l’autrice Rosetta Pontoriero – è rivolta a tutte quelle persone che passano una intera vita a guardare sempre le ricchezze altrui. L’invidia corrode l’anima e porta l’uomo a distruggere i progetti positivi di chi costruisce con amore la propria vita…”