Palmi, Danza d’estate con la provincia reggina

Presentata questa mattina a Reggio Calabria, nella biblioteca dell’amministrazione provinciale, la quinta edizione di “Palmi Danza Estate”, proposta dall’associazione Amici della musica “Manfroce”. La manifestazione, che prenderà il via il prossimo 3 agosto per concludersi giorno 21, si svolgerà nella suggestiva lotacion del teatro Marinella. L’annuale edizione di “Palmi Danza Estate” è stata illustrata alla stampa da Antonio Gargano ( presidente del sodalizio organizzatore), dall’assessore alla Cultura, Beni culturali e Legalità della Provincia, Eduardo Lamberti Castronuovo e dai consiglieri provinciali Giovanni Barone e Giuseppe Saletta. Il dott. Gargano ha prima accennato all’attività dell’associazione da lui presieduta, che annualmente assicura settantacinque concerti, poi ha illustrato le varie tappe della proposta artistica che prenderà il via con “un classico per riscoprire tecnica e emozioni della danse d’ école sulle celebri partiture di Ciaikovskij ‘ll lago dei cigni’. Una manifestazione che è sempre legata ad una componente musicale molto significativa, oltre che importante sia per le musiche sia per la danza. Proponiamo cinque spettacoli molto variegati, anche sotto l’aspetto dell’immagine e della struttura”. L’assessore Eduardo Lamberti Castronuovo nell’esprimere soddisfazione per l’iniziativa messa in cantiere ha proposto all’associazione Manfroce che “al termine di questa stagione, o addirittura durante il suo svolgimento, voglia promuovere, anche su Palmi, deidibattiti culturali intesi non soltanto come mero spettacolo”. Iniziative – secondo l’Assessore alla Cultura della Provincia – considerate “vere e proprie forme di comunicazione”. Per questo, “forse, sarebbe opportuno che l’associazione organizzatrice si rendesse parte diligente per dibattiti sulla storia della musica e su altri aspetti legati a rappresentazioni del genere. Appuntamenti da indirizzare ai giovani, alle scolaresche, a quelle persone che si sono allontanate dal teatro”.Il dott. Lamberti Castronuovo ha auspicato un nuovo protagonismo culturale della città di Palmi. “E’ mia intenzione – ha reso noto – realizzare l’istituto calabrese di cultura con sede a Palmi e a Locri. Un istituto meridionale che, con un centro di studi, si interessi di Cilea, Manferoce, Benintende, fino ai cosiddetti autori minori”. Il consigliere provinciale Giovanni Barone, da parte sua, ha detto di credere “nella nuova spinta culturale che l’Amministrazione Raffa vuole attuare sul territorio provinciale. Siamo assolutamente sulle posizioni dell’assessore Lamberti Castronuovo. Sul nostro territorio, spesso, abbiamo assistito ad una sorta di arrembaggio di personalità nazionali, assolutamente valide, e non si è tenuto conto di professionalità e caratteristiche locali. Crediamo che Palmi possa competere ad armi pari con qualsiasi altra area del nostro territorio e lo dimostreremo portando alla ribalta tutte le nostre capacità”. Il consigliere Giuseppe Saletta, intervenendo brevemente, ha sottolineato che “quando la Provincia apre le porte a queste iniziative vuol dire che, veramente, si è partiti con il piede giusto. Come rappresentanti del Consiglio provinciale siamo disponibilissimi affinché iniziative come queste aumentino nel tempo.”

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin