Gioia Tauro, la Regione tenta il salvataggio del Porto ma lo scalo è ancora fermo

Si apre uno spiraglio nella vertenza sui criteri per la cassa integrazione al porto di Gioia Tauro. Lo scalo al momento resta bloccato per l’astensione dei lavoratori. Stamani Cgil, Cisl, Uil e Ugl (no il Sul) hanno invitato Mct a riaprire il tavolo e nel pomeriggio le parti hanno raggiunto un’intesa di massima da sottoporre al vaglio dei lavoratori. Per la vice presidente della Regione Antonella Stasi ”il presidente Scopelliti e la Giunta lavorano ad altri e piu’ importanti soluzioni per la salvaguardia dei livelli occupazionali e per un nuovo e vero rilancio”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin