La mostra Puccini e Lucca vola negli Usa

 Dopo aver toccato 18 città in tre diversi continenti nel corso di tre anni,  ed essere stata visitata da migliaia di persone, grazie anche all’accordo stipulato con il Ministero degli Affari Esteri, la mostra Puccini e Lucca nel mondo prosegue la sua tournée: dopo essere approdata a Boston, lo scorso maggio, ospite della Dante Alighieri Society di Cambridge, Massachusett nelle prossime settimane si muoverà alla volta di altre città del continente nordamericano. La mostra, realizzata dal Comune di Lucca con la Fondazione Puccini, il sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lucca e con la collaborazione della Associazione Lucchesi nel Mondo, farà tappa nei prossimi mesi in importanti città statunitensi come San Francisco, Chicago, Atlanta e Pittsburgh. Puccini e Lucca nel mondo sconfinerà anche in Canada: già confermata la sede di Toronto, mentre sono in corso trattative con altre città. “L’amministrazione comunale – sottolinea l’assessore alla Cultura Letizia Bandoni – dal 2008, come deliberato dal Consiglio comunale in occasione del 150° anniversario della nascita del Maestro, ha intrapreso una forte campagna di promozione della città quale luogo di nascita e di formazione di Giacomo Puccini. Lo scopo è quello di associare in modo indelebile la figura del Maestro alla città di Lucca, potenziando quindi l’attrattiva di un turismo di alto livello, appassionato di musica e amante dell’arte. Questa nuova tournée americana sarà anche l’occasione per promuovere la riapertura del Museo Casa natale Giacomo Puccini”. “Per questa ragione – spiega il direttore della Fondazione Puccini, Gabriella Biagi Ravenni – la mostra è stata arricchita con due pannelli dedicati alla Casa natale e al Museo dei Puccini di Celle. E’ stato inoltre creato un terzo pannello dedicato ai viaggi del compositore negli Stati Uniti nel 1907, in occasione della prima americana della Madama Butterfly, e nel 1910, per la prima assoluta de La fanciulla del West”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin