Non mi abbandonare!

Federica Orsida

Arriva l’estate e come ogni anni si presenta il solito problema:l’abbandono degli animali prima di partire per le vacanze, problema che non si limita solo ai cani e gatti, ma cocoriti, tartarughe marina e altri piccoli animali domestici, adottati nei mesi invernali e diventati “zavorra” nei mesi estivi. ‘Vai in vacanza, non lasciarmi per strada, non mi abbandonare, lasciami a un amico’. E’ questo lo slogan della campagna contro l’abbandono degli animali domestici. ”In Italia – dicono le associazioni – sono oltre 250.000 sono gli animali abbandonati ogni anno. La nuova legge contro l’abbandono prevede importanti sanzioni per chi destina il suo miglior amico a una morte quasi certa, invece di affidare l’animale ad amici o strutture private o a complessi turistici adibiti. I canili infatti gravano in condizioni economico-igieniche precarie, affidati quasi unicamente alla buona volontà dei volontari”.Nonostante le pesanti sanzioni e nonostante il numero degli abbandoni sia calato, il problema resta poiché le persone non capiscono che l’animale domestico scelto per compagnia non ha scadenze di termine che va da Settembre a Giugno come la scuola, ma bisogna tenerlo accanto o lasciarlo a qualcuno che se ne occupi anche in vacanza.Già dall’anno scorso le cose sono nettamente migliorate, sono nati: pensioni per animali, alberghi, spiagge, campeggi, ristoranti, parchi naturali e petsitter che accolgono il vostro animale da compagnia, potete trovare tutte sul sito: http://www.vacanzebestiali.org, è consigliabile visitarlo prima di partire per le vacanze.Poi un altro appunto, se siete tra quelle persone che, nonostante tutto, hanno comunque deciso di abbandonare il proprio animale domestico prima di partire per le vacanze,  pensateci due volte quando tornerete a Settembre e vi recherete in un negozio di animali, i cuccioli per quanto carini e adorabili non hanno la data di scadenza come i biscotti. Buone vacanze amici a quattro zampe!

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin