Roma, il Tar del Lazio ha annullato la Giunta del Comune

Mancato rispetto delle “quote rosa” e giunta annullata. Lo hanno deciso i giudici della seconda sezione, presieduti da Luigi Tosti, i quali hanno accolto i ricorsi proposti dai Verdi di Bonelli, dalle consigliere comunali di Roma di Pd e Sel Monica Cirinnà e Maria Gemma Azuni, e dalle consigliere di Parità della provincia di Roma e della regione Lazio, Francesca Bagni e Alida Castelli. La giunta capitolina che regge l’amministrazione di Roma Capitale, in effetti, comprende una componente femminili – l’assessore alle Politiche sociali Sveva Belviso – ma una sola, su un totale di 11 assessori. Dieci uomini e una donna, dunque. E il problema delle quote rosa era stato sollevato più volte, specie in occasione dell’ultimo rimpasto che portò – nel gennaio 2011 – alla sostituzione in primo luogo dell’assessore alle Politiche culturali – al posto dell’uscente Umberto Croppi (FLI), l’attivissimo delegato al Centro storico Dino Gasperini (PdL) – eppoi di quelli ai Trasporti, all’Ambiente e al Bilancio: fuori Sergio Marchi, Fabio De Lillo, Maurizio Leo. In quell’occasione venne rimossa anche l’assessore alle Politiche scolastiche Laura Marsilio e la “quota rosa” in giunta scese da due a una sola donna. Ora potrebbe imporsi un nuovo rimpasto, cui lo stesso sindaco della Capitale aveva pensato già a febbraio quando – di fronte alle contestazioni sia da destra sia da sinistra per l’esclusione della Marsilio – aveva promesso: “Riequilibreremo la presenza femminile”. La componente “rosa” dimezzata, infatti, viola un preciso articolo dello Statuto del Comune, che parla proprio di una “rappresentanza equa” delle donne. Non solo, in Campidoglio i “rampelliani” – componente tra le più forti del PdL – avevano fatto girare una mozione – già approvata in 18 dei 19 “parlamentini” dei Municipi di Roma – poi approdata in consiglio comunale.  L’uscita della Marsilio aveva “scottato” profondamente il deputato ex An Fabio Rampelli e indispettito anche il capogruppo del Senato, Maurizio Gasparri, vicino politicamente a Rampelli e divenuto difensore di Fabio De Lillo, altro assessore “azzerato” dal sindaco. Il quale aveva pensato 4 mesi fa ad una doppia soluzione: il ritorno di Laura Marsilio alla Scuola, “spacchettandola” dalla Famiglia (attualmente sotto lo stesso assessorato) e l’inserimento in giunta di Lavinia Mennuni, consigliere comunale PdL, già capogruppo di An nel II Municipio.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin