Milano, il poliziotto Emiliano D’Auguanno condannato per l’omicidio di Giuseppe Turrisi

Giustizia è fatta. E’ stato condannato a dieci anni di reclusione per omicidio preterintenzionale Emiliano D’Aguanno, un agente della Polfer accusato di aver picchiato fino a ucciderlo un senzatetto, Giuseppe Turrisi, nel settembre del 2008 negli uffici di polizia della stazione Centrale di Milano. Domenico Romitaggio, un altro poliziotto, che era sempre accusato di omicidio preterintenzionale, è stato invece condannato a tre anni per falso. La sentenza è stata emessa dalla prima Corte d’assise di Milano. “Sono contento che sia stata fatta giustizia – ha commentato Omar, il figlio della vittima – mi sono tolto un peso. C’era il rischio che non succedesse nulla”.  Il pm Isidoro Palma, che ha coordinato l’inchiesta, aveva chiesto una condanna a 12 anni di carcere per entrambi. Dopo la lettura della sentenza, D’Aguanno è stato colto da un lieve malore. Per l’altro agente la Corte ha derubricato l’accusa di omicidio in lesioni, ma quest’ultima contestazione viene cancellata dalla scriminante della legittima difesa. Romitaggio, dunque, è stato condannato a tre anni solo per falso, relativo a una relazione di servizio sull’accaduto, con la concessione della attenuanti generiche. E’ caduta invece per tutti e due gli imputati l’accusa di calunnia. Stando alle indagini il senzatetto, che passava le sue giornate in stazione Centrale da circa tre anni, sarebbe stato pestato a sangue il 6 settembre 2008 da D’Aguanno negli uffici della Polfer, dove era stato portato. Secondo il pm, anche l’altro poliziotto avrebbe avuto un ruolo nel pestaggio. I due agenti erano stati arrestati nell’aprile del 2009 per omicidio volontario. Secondo l’accusa i due agenti avrebbero avuto motivi di astio nei confronti del clochard di 58 anni e per questo lo avrebbero picchiato, tenendolo dentro gli uffici per 35 minuti. Inoltre i due agenti nella relazione di servizio su quella sera avevano parlato solo di un clochard che si era sentito male e poi era morto. Le difese hanno sempre sostenuto che Turrisi aveva aggredito i due agenti, dopo aver partecipato a una rissa con altre persone.

Un pensiero riguardo “Milano, il poliziotto Emiliano D’Auguanno condannato per l’omicidio di Giuseppe Turrisi

  • 15 luglio 2011 in 22:08
    Permalink

    E’ una sentenza vergognosa e indegna di un paese che si voglia definire civile! La famiglia del clochard ha fatto la figura più becera che si poteva fare. Come prima che era uno sbandato ubriacone pericoloso non lo volevano. ora che si parlava di poterci fare qualche soldo gli volevano bene? c’è qualcosa che non torna… come la giustizia italiana… non torna no!

I commenti sono chiusi