Milano disco, lo scandalo della notte meneghina

Oltre trenta milioni di euro riciclati in alcuni dei templi della movida milanese: il Karma, il Luminal, il Cafè Solaire, tre discoteche le cui quote sono state sequestrate nei giorni scorsi dalla procura, a caccia dei capitali sottratti all’erario. Un’organizzazione, secondo l’ipotesi dell’accusa, che attraverso l’emissione di fatture false e la creazione di società fittizie è riuscita a farsi finanziare dagli istituti di credito e ha usato quei soldi in frodi carosello, operazioni che hanno portato al fallimento di società fittizie senza aver mai versato l’Iva dovuta. Denaro poi riciclato in immobili, auto di lusso e in investimenti in alcuni tra i migliori locali della città. L’organizzazione avrebbe operato su due livelli: c’era chi si occupava delle frodi fiscali, chi delle truffe, ma non tutti quelli che partecipavano alle prime si occupavano delle seconde. Tra i casi ricostruiti da Procura e Guardia di Finanza, l’acquisto di casse di champagne dalla Francia con esenzione del pagamento dell’iva attraverso la costituzione di società cartiere. Un nero di milioni e milioni che ha fatto scattare i sequestri “per equivalente”, previsti dal codice qualora non ci si possa rivalere sui beni che costituiscono il profitto del reato. Da qui il sequestro delle quote dei locali Karma, Luminal e Cafè Solaire (che resteranno comunque aperti), di cui alcuni degli arrestati risultano titolari di fatto.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin