Gioia Tauro, è tornata la guerra di mafia?

Vincenzo Priolo, il giovane rimasto vittima di un agguato avvenuto questa mattina a Gioia Tauro, è stato colpito con almeno due colpi di pistola. Secondo quanto accertato dai poliziotti del Commissariato gioiese e della squadra mobile di Reggio Calabria, i proiettili sono stati esplosi al volto e all’addome. Priolo era rimasto coinvolto nell’operazione ‘Cent’anni di storia’ eseguita dalla Polizia contro le cosche della piana di Gioia Tauro, ma fu assolto alla fine del processo. Gli investigatori indagano nella direzione della criminalita’ organizzata, considerando che e’ il cognato di Mommo Piromalli, ma non tralasciano altre piste.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin