Il Porto di Gioia Tauro verso il ridimensionamento. Niente da fare per i lavoratori

Niente da fare. Il vertice romano al Ministero va nella direzione che, purtroppo, era attesa: l’agonia del Porto di Gioia Tauro è nella sua fase acuta ed i posti di lavoro non si conserveranno. Che sia mobilità o cassa integrazione, rimane la certezza: la Calabria è stata abbandonata e così i portuali gioiesi. In esclusiva una foto del vertice in corso, gentilmente fornita in esclusiva per Laprimapagina.it dal sindacalista della Cgil Nino Calogero.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin