Il dottore Battaglia deve restare a Soriano Calabro

 L’accorato appello di Monaco folletto, l’originale su Facebook, significa che l’Ospedale di Soriano Calabro è veramente alla fine. Il suo incitamento preoccupante  dimostra l’amore per il proprio paese e non può  essere non udito, sentito dai Sorianesi, dalle Autorità locali, dal primo cittadino Sindaco Bartone, anche lui si deve muovere e ostacolare il trasferimento del dottore Battaglia a Serra San Bruno. Questo trasferimento  significherebbe  veramente la chiusura definitiva dell’Ospedale. Il Presidente della Regione Peppe Scopelliti, pur badando al prestigio della Calabria con Miss Italia nel mondo a Reggio Calabria, deve anche guardare alle necessità di un intero mandamento che si riversa sull’Ospedale di Soriano Calabro. Il Presidente della Provincia deve trovarsi in prima fila con i cittadini, fermare gli errori, quello che i cittadini vedono come errore. L’allarme di “Monaco Folletto” non è da sottovalutare, è necessario bloccare il trasferimento di questo professionista che ancora regge la struttura e non soltanto per indiscussa professionalità ma anche e soprattutto per il suo modo di trattare con il pubblico, con i pazienti, che per lui arrivano  anche da fuori mandamento. Allora “dove sono i Sorianesi?”, grida Monaco Folletto: “muovetevi, uscite dalla case, difendete i vostri diritti, anche se personalmente non vi riguarda”. Questo è il momento di agire, proteggere l’interesse della Paese. L’Ospedale di Soriano Calabro non si deve chiudere, arrecherebbe molti disaggi e non soltanto ai cittadini locali ma a tutto il mandamento e parte della Provincia. Con il trasferimento del Dottore Battaglia, l’Ospedale chiude veramente. Questo deve essere ostacolato attraverso la legalità, ostacolare, bloccare affinché questo non avvenga. Necessitano ampliamenti in questa struttura non la chiusura. Presidente Scopelliti, Presidente De Nisi, Architetto Bartone, sindaco del Paese non restiamo a guardare? Siete voi che vi dovete muovere, agire, ottenere.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin