Vibo Valentia, i comunisti accusano i vendoliani di fare svendita politica

C’è attesa per la seduta del consiglio provinciale in programma il 7 luglio che avrà fra i punti all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio di previsione che adesso avrà i “numeri” con l’apporto di Barbara Citton che con il partito di Nichi Vendola salva in calcio d’angolo la poltrona a De Nisi. Su questo salvataggio critiche le posizioni di Prc e Pdci che trovano “molto più imbarazzante continuare a sostenere questa amministrazione che darle la giusta e dovuta sepoltura. Prendiamo atto che non la pensa così SeL che al saldo svende i voti di una larga schiera di cittadini per proprio conto. La razionalità del consigliere Citton ci fa ben sperare che nessuna crisi mistica le faccia credere che la sua presenza lì abbia la natura trascendentale. Ma probabilmente si sentirà al sicuro non esistendo il reato per il furto di voti che comunque – ammoniscono – dalla nostra memoria non verrà prescritto”. La polemica divampa, il dibattito si surriscalda anche perché l’attesa è crescente e stringente per la nuova giunta, per capire se i mal di pancia si diffonderanno e larga maggioranza che ha sostenuto De Nisi e che ora è ridotta ad un solo voto in più, sarà in grado di reggere e per quanto ancora.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin