Washington, spunta fuori un Leonardo da Vinci irreperibile da centinaia di anni

Un capolavoro scomparso di Leonardo da Vinci e’ stato ritrovato in una collezione privata americana e sara’ mostrato al pubblico dopo secoli di oblio alla National Gallery di Londra dal 9 novembre al 15 febbraio 2012. Si tratta, scrive il Wall Street Journal, di un Cristo con la mano destra alzata a benedire e che regge nella sinistra un globo celeste (“Salvator Mundi”) .

Un pensiero riguardo “Washington, spunta fuori un Leonardo da Vinci irreperibile da centinaia di anni

  • 1 luglio 2011 in 10:12
    Permalink

    AFFASCINANTE E ABBAGLIANTE…MA NON E’ LEONARDO
    Premetto che non ho avuto ancora il piacere di visionare il dipinto ne di aver avuto la possibilità di vederne un’immagine a colori reali, ma ritengo che il bianco e nero sia sufficientemente eloquente per affermare una mia sommaria opinione sul visibile. Certamente tutto ciò che è sotto la superficie pittorica, che non è di mia conoscenza, potrebbe smentire questa mia sommaria opinione.
    I fari abbaglianti (gli occhi) di questo volto di Cristo hanno colpito per il loro fascino e probabilmente messo fuori strada gli illustri esperti di Leonardo che non si sono accorti di trovarsi davanti ad un dipinto dalle caratteristiche pittoriche di alcuni allievi come un Ambrogio Depredis e lo testimonierebbe il fatto che i pigmenti siano gli stessi presenti nella restaurata vergine delle rocce Londinese, opera in gran parte realizzata proprio dal de Predis. Possibili alternative al De Predis potrebbero essere a mio avviso Francesco Napoletano per le affinità coi capelli e il taglio degli occhi, e alcuni disegni e studi lo possono confermare, ma anche il Giampietrino e il Boltraffio. In quest’ultimo troviamo affinità con il taglio della bocca ma soprattutto il taglio degli occhi e la forma elegante delle mani . Anche la sfera di cristallo può far pensare alla grande abilità del De Predis, del Boltraffio o del Giampietrino veri maestri nella esecuzione di oggetti in vetro, ceramica o metallo. Il fascino del volto con questi occhi è estremamente interessante ma in quanto copia di un originale oggi probabilmente perduto. Auspico vivamente di poter essere smentito dalla visione diretta e dalla conoscenza del non visibile, comunque sia, anche se non fosse come penso opera del Vinciano è pur sempre una grande e preziosa scoperta.

I commenti sono chiusi