Milano, a coltellate per i pitbull

Una lite in strada tra 5 pitbull è degenerata in una rissa tra i loro padroni, tutti giovani italiani pregiudicati per spaccio e lesioni, tra i 23 e i 30 anni. I sei, tra cui due ragazze, sono stati arrestati. Tre di loro sono finiti all’ospedale per le ferite riportate nella rissa, scoppiata alle 4 di lunedì mattina in via Calvairate, alla periferia sud di Milano: una coppia di fidanzati è stata portata al San Raffaele e un ragazzo al Policlinico per una coltellata al ventre. Tutto ha avuto inizio quando Roberto Casati, 23enne nato a Macerata con precedenti per rissa, possesso di armi, maltrattamenti in famiglia e furto, è uscito di casa in piena notte con tre meticci di pitbull e un coltellino in tasca. Sulla strada ha incrociato un vicino di casa, Cristian Torre, 30enne milanese con precedenti per stupefacenti, percosse, truffa e ricettazione, che portava a spasso i suoi due cani, un incrocio con un labrador e un altro meticcio pitbull. La zuffa tra i cinque cani ha scatenato l’ira dei padroni, che hanno iniziato a litigare urlando. Le grida hanno attratto l’attenzione della fidanzata del 30enne, Chiara S., 24enne con precedenti per stupefacenti e furto, e di tre ospiti di Roberto C., due 30enni e una 27enne, tutti con precedenti, giunti proprio ieri dalla Sardegna con i cani a seguito. Chiara, dopo aver visto la rissa dalla finestra, è scesa in strada portando un coltello al fidanzato: questi l’ha preso e ha colpito alla pancia Roberto. Al termine della zuffa gli operatori del 118 hanno soccorso Roberto, che è stato ricoverato al Policlinico e viene mantenuto in coma farmacologico. Non corre pericolo di vita. Ricoverato anche Cristian, in condizioni meno gravi, al San Raffaele: ha riportato lesioni per i pugni ricevuti nella lotta. Chiara, la fidanzata di Cristian, è rimasta ferita da un morso. I cani del 30enne sono stati riaccompagnati nell’appartamento, gli altri tre, di proprietà degli ospiti, sono stati affidati al canile.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin