Gravissimo attentato, incendiata l’auto a don Tonino Vattiata di Libera

Don Tonino Vattiata, per tutti don Tonino, è stato pesantemente attenzionato dalla malavita calabrese. Ignoti hanno incendiato l’auto, una Opel Corsa, del parroco di Pannaconi di Cessaniti nel Vibonese. La macchina del parroco coraggio, componente di Libera Vibo Valentia, impegnato nella lotta antimafia, era parcheggiata nei pressi della canonica quando è stata cosparsa di liquido infiammabile ed incendiata. Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco. Don Vattiata, da qualche anno parroco a Cessaniti, è particolarmente impegnato sul territorio. Il sacerdote è componente del coordinamento provinciale di Libera a Vibo Valentia. Il coordinatore provinciale di Libera di Vibo Valentia, don Giuseppe Fiorillo, sull’episodio ha detto che “il nostro territorio è quotidianamente violentato da attentati. Esprimo una condanna forte e severa contro un episodio che reputo vigliacco. Mi auguro che al più presto le forze dell’ordine riescano ad individuare gli autori di questo gesto”. La Redazione de Laprimapagina.it si unisce fattivamente a don Tonino e lancia l’idea di riacquistare attraverso una raccolta popolare subito l’auto al parroco simbolo della Calabria e del Sud che non molla. Don Tonino è uno di noi! Un’auto nuova per Don Tonino per dire no a chi prova ad intimidire con la violenza escludendo il dialogo!

15 pensieri riguardo “Gravissimo attentato, incendiata l’auto a don Tonino Vattiata di Libera

  • 19 giugno 2011 in 14:44
    Permalink

    Nel mentre esprimo piena solidarietà a Don Vattiata e condanno il vile gesto condivido l’idea di riacquistare un’auto attraverso una raccolta popolare per il parroco simbolo della Calabria e del Sud che non molla.

  • 19 giugno 2011 in 14:47
    Permalink

    Riteniamo che sia un atto dovuto al di là delle semplici parole di solidarietà. Ognuno come può può contribuire a nostro giudizio. Potrebbe benissimo interessarsi della raccolta Libera magari la responsabile Giovanna Fronte.

  • 19 giugno 2011 in 15:23
    Permalink

    Mi pare persona adatta ma si potrebbe meglio far capo a Don Fiorillo

  • 19 giugno 2011 in 15:41
    Permalink

    Perfetto. Va bene anche Don Fiorillo. La sostanza non cambia. Sarebbe bello che i primi a sottoscrivere l’operazione fossero i politici. Per loro 300/400 euro ciascuno non pesano. Basterebbero i parlamentari vibonesi, i consiglieri regionali del vibonese, i consgilieri provinciali…

  • 19 giugno 2011 in 16:47
    Permalink

    esprimo la mia slidarietà al coraggioso parroco e sono disponibile a contribuire,secondo le mie possibilità,all’acquisto di una macchina nuova.

  • 19 giugno 2011 in 16:54
    Permalink

    E’ apprezzabilissimo. Sarebbe bellissimo se in queste ore Libera Vibo Valentia aprisse subito un Conto Corrente Postale per raccogliere le sottoscrizioni. Come giornale, se a Libera piace l’idea, possiamo pubblicizzarla. Don Tonino lo merita. Lo merita una grande Calabria.

  • 19 giugno 2011 in 17:13
    Permalink

    tutta la mia stima ed affetto,so che ci vuole ben altro per intimidirla, forza vuol dire che sono spaventati hahahaha hanno paura di un uomo di pace indifeso, un uomo di Dio, e fanno bene ad averne perche svegliare le coscienza di persone che sono stanche di essere depredate della libertà che gli appartiene, sarà la loro sconfitta.-
    un forte abbraccio
    Donato

  • 19 giugno 2011 in 18:34
    Permalink

    Apprendo in questo momento del vile attentato al carissimo Don Antonio e non posso che esprimere tutta la mia solidarietà associandomi a tutte le iniziative che verranno intraprese da tutti coloro che aspirano ad una Calabria affrancata dalle catene della malavita organizzata e non. Un abbraccio, caro Don Tonino.

  • 19 giugno 2011 in 18:37
    Permalink

    Sono tantissime le manifestazioni di solidarietà. Riteniamo ed auspichiamo che la nostra proposta di una raccolta collettiva per ricomprare subito l’auto di don Tonino sia accolta e realizzata. Sarebbe un segnale tangibile. Un messaggio ha chi ha colpito un Grande.

  • 20 giugno 2011 in 00:20
    Permalink

    Io ci sono…e non solo per la macchina nuova!

  • 20 giugno 2011 in 04:01
    Permalink

    Buon Giorno ai nostri lettori in questo lunedì. Questa notizia è stata letta e fatta girare sui social in questo momento da oltre 500 persone, segno che la Calabria c’è, una Calabria che ha speranza nel futuro e soprattutto nel presente, segno di grande stima ed affetto in don Tonino.

  • 20 giugno 2011 in 09:08
    Permalink

    Anche dalla vicina Puglia esprimo la mia più affettuosa e forte solidarietà a Don Tonino Vattiata,visto da me crescere nella nostra Caserma di Polizia intitolata ad Andrea Campagna,ora Scuola Allievi Agenti!Nonchè la trentennale e fortissima amicizia che mi lega al padre Giovanni,con cui abbiamo condiviso una carriera fatta di tanti sacrifici,ma anche di tante soddisfazioni!Un’abbraccio…

  • 20 giugno 2011 in 09:26
    Permalink

    Per quanto riguarda l’acquisto della macchina a Don Tonino , considerato che è un segnale che la gente vuole dare di vicinanza allo stesso, ritengo che si possa fare. Però , ma è solo una opinione personale, ritengo che sia il caso di formare un comitato di amici che si impegnino nella raccolta. Oppure se accetta di farlo Don Fiorillo. Personalmente preferisco essere interessata da iniziative volte a scuotere la società civile e a fare qualcosa di concreto per il territorio.

  • 20 giugno 2011 in 09:32
    Permalink

    Intanto avviso tutti i visitatori e commentatori di questo articolo, e prego la redazione di darne diffusione, che stasera a Pannaconi alle ore 19.00 verrà celebrata da Don Tonino la Santa Messa e tutti coloro che intendono esprimere solidarietà e vicinanza possono partecipare. I giovani hanno espresso il desiderio di indossare una maglietta verde, in segno di speranza. LIBERA VIBO ha accolto con immensa soddisfazione tale proposta e si adopererà di conseguenza.
    Sarebbe anche un bel segnale la presenza delle scuole- anche se chiuse- e delle istituzioni, comunali e provinciali, anche dei comuni non direttamente interessati. Credo che la massiccia partecipazione sia un concreto segnale di vicinanza al buon Prete.

  • 26 giugno 2011 in 00:24
    Permalink

    so esattamente cosa si prova in queste circostanze…. la mia storia è stata molto più drammatica e sofferente, ma le circostanze ci sn anche in questo episodio, caro don tonino e come vedere un film che già si conosce e da fuori fa paura!! tutti noi vorremmo un eroe in meno e un amico in più…. mi associo anch io ad aiutare don tonino vattiata non solo in questo ma in tutto!!! olga scarcella…

I commenti sono chiusi