Giugliano, 210 mila euro in lavatrice

Possedeva 210 mila euro in contanti ed all’arrivo dei carabinieri ha messo il denaro in lavatrice e l’ha fatta partire, ma senz’acqua. Per un uomo ed una donna, marito e moglie, è scattata una denuncia. Non hanno saputo fornire spiegazioni sulla ragione per la quale avevano in casa il denaro; una cifra ritenuta sproporzionata rispetto ai redditi dichiarati al fisco. Il fatto è avvenuto a Giugliano. I carabinieri della locale compagnia impegnati in un’attività di controllo del territorio hanno bussato in mattinata alla porta dell’abitazione della coppia. Nel corso della perquisizione in casa sono state trovate una somma di 8 mila euro ed alcuni assegni di 16 mila. Ma a insospettire i militari, coordinati dal capitano Alessandro Andrei, è stato l’anomalo funzionamento della lavatrice. Quindi, aperto lo sportello, i carabinieri hanno trovato la somma di circa 210 mila euro, suddivisa in banconote di vario taglio. L’uomo non ha saputo dare spiegazione in merito al possesso della somma di denaro così ingente. Il denaro è stato sequestrato.