Palermo, squadra antimafia oggi atto finale

Sarà in onda venerdì prossimo l’ultima e decima puntata di Squadra Antimafia Palermo oggi 3, la fortunata serie di Canale5 che tiene incollati ai teleschermi milioni di telespettatori. Mediaset ha deciso di prolungare l’attesa portando la data dell’ultimo appuntamento al 10 giugno. Nella nona e penultima puntata De Silva ha “catturato” Rosy Abate (Giulia Michelini) fingendosi soccorritore dell’ambulanza su cui è ferita la mafiosa, sequestrando la donna e minacciandola di morte per avere la lista Greco. Claudia Mares (Simona Cavallari) scopre dal pm Antonucci che la lista contiene nomi di magistrati, politici e imprenditori collusi con la mafia. I primi tentativi della madrina di Palermo di fuga vanno a vuoto, ma approfittando di una distrazione del suo carceriere riesce a scappare per prendere una sorprendente decisione. Intanto la Squadra Duomo, mentre Sandro risolve il problema dei trentamila euro grazie ad un generoso prestito di Calcaterra, cerca di mettersi sulle tracce della Abate e di De Silva per recuperare questa scottante lista. Claudia vorrebbe chiudere con Domenico, ma Calcaterra le confessa di essere innamorato di lei e i due cedono alla passione. Intanto la Duomo cattura un politico complice di De Silva ed un imprenditore prestanome e riescono a risalire ai vertici del traffico illecito di rifiuti tossici. Un’altra pericolosissima minaccia incombe su Rosy: Bianca Truebla, che per ammazzare l’assassina di suo fratello Vincent, ovvero Rosy, assolda come killer Il Catanese (Fabrizio Corona.) Rosy Abate va da Claudia Mares e, sentondosi braccata da tutti i fronti le dice che vuole costituirsi, ma vuole un programma di protezione che tenga nell’anonimato lei e suo figlio Leonardo. Claudia spiega la questione ai suoi superiori perché l’Abate ha in mano la lista che la Polizia vuole a tutti i costi. Claudia e Calcaterra decidono di tendere una trappola a Rosy: assecondano le sue richieste e poi la arresteranno, ma intanto metteranno le mani sulla lista. La Abate fa trattare la sua resa a Cifalà, vecchia conoscenza della Squadra Antimafia, legale radiato dall’albo. Cifalà chiede a Claudia di recarsi all’appuntamento con Rosy disarmata e con il bambino, in cambio la Abate darà al vice questore Mares un pezzo della pericolosa lista. Rosy e Claudia si incontrano e la mafiosa affida alla poliziotta la cura di Leonardo, Claudia accetta. La Abate si allontana, Claudia, Calcaterra e la Squadra procedono all’arresto, ma Rosy è imbottita di esplosivo e minaccia di farsi saltare nella piazza di Palermo. La situazione è pericolosissima e la Mares decide di lasciare andare Rosy. L’operazione è saltata. Rosy viene portata da Cifalà in un luogo in cui può nascondersi. Una parlamentare avvisa De Silva che la magistratura ha accettato la richiesta di protezione di Rosy. La donna ordina a De Silva di arrivare a Rosy prima che parli, ma l’agente corrotto non sa dove si nasconde. Allora gli viene imposto di rapire il piccolo Leonardo, la persona per cui Rosy darebbe la vita. La Squadra Duomo, viene avvertita del fatto che Rosy godrà delle agevolazioni dei pentiti e vogliono arrestarla prima che questo accada. Una lunga notte attende la Mares, Calcaterra, Sandro e Luca. Nel frattempo anche Il Catanese si mette sulle tracce della Abate per ucciderla. Il killer minaccia l’avvocato di Rosy, che rivela il nascondiglio della donna; il killer gli spara. La Squadra Duomo si precipita dall’avvocato, che, prima di morire, racconta alla Mares della minaccia del Catanese e dove si è rifugiata Rosy. I sicari di Bianca catturano Rosy e la donna cerca di trattare dicendo loro che fornirà la lista con cui potranno ricattare fior di politici. Intanto De Silva fa una strage di cadaveri nell’istituto in cui è nascosto Leonardo e lo rapisce. Il Catanese sta per sparare a Rosy, ma irrompe Claudia. La Mares scopre che De Silva ha rapito Leonardo e lo dice a Rosy, la quale le chiede di aiutarla a trovarlo e di lasciarla andare, perché Leonardo è innocente e fa leva sul fatto che il piccolo è anche figlio di Ivan. Claudia e Rosy fanno una messa in scena, la poliziotta finge di essere minacciata da Rosy, in modo che insieme possano fuggire per cercare il bambino. Nell’ultima puntata continua la fuga disperata di Rosy Abate e Claudia Mares, alleate per cercare di salvare il figlio di Rosy e di Ivan. Le due donne sono alla ricerca della liste Greco da consegnare a Filippo De Silva, in modo da liberare il piccolo Leonardo. Ma le due donne sono anche minacciate dagli uomini di Bianca Truebla, che si sono messi  al loro inseguimento per catturare e uccidere la poliziotta e la mafiosa. Intanto la Squadra Duomo si prepara alla scontro finale, ma Domenico Calcaterra rischia di essere sospeso dal servizio. Non rimane che sintonizzarsi su Canale5!

Un pensiero riguardo “Palermo, squadra antimafia oggi atto finale

  • 6 Giugno 2011 in 20:57
    Permalink

    Speriamo di vedere Domenico Calcaterra anche nella prossima serie

I commenti sono chiusi