Lucca, in 600 alla partenza della Gran Fondo Cipollini

 

Gran Fondo Cipollini

La prima edizione della Gran Fondo Mario Cipollini ha superato ogni aspettativa e ha visto quasi 600 sportivi al via per correre insieme al Re Leone quelle strade che lo hanno reso un vero campione. L’evento di apertura di Lucca Bike (www.luccabike.it), la festa della bicicletta e dello sport all’aria aperta che prosegue a Lucca fino al 5 giugno ad ingresso libero, al Polo Fiere di Sorbano del Giudice (ex are Bertolli) ha riservato tante sorprese a anche qualche minuto di commozione al via quando, proprio per volontà di Cipollini e dell’organizzazione è stato esposto alla partenza il cartello W 108,  ricordando il numero di partenza di Weylandt, che poche settimane fa ha perso la vita al giro d’Italia. “Un gesto fatto con il cuore – ha detto Mario Cipollini durante il lungo applauso che ha preceduto la partenza della gara – per ricordare chi oggi non può essere qui con noi a divertirsi”. Le sorprese sono invece arrivate da un parterre tutto vip, adatto alle grandi occasioni che ha visto in sella alla bici, proprio al fianco del campionissimo Cipollini personalità come Renato di Rocco,  presidente della Federazione Ciclistica Italiane e Claudio Rossi, presidente comitato organizzatore Mondiali 2013, ma anche l’imprenditore Paolo Barilla, e il campione italiano di triathlon Alberto Casadei e quattro ciclisti professionisti della ISD Farnese Vini del peso di: Gianluca Mirenda, Ottavio Bulgarelli, Takashi Miyazawa e Lubosh Pelanek. A dare il via alla gara l’assessore allo sport Lido Moschini che ha poi seguito l’evolversi della competizione ben 578 appassionati che hanno voluto partecipare all’evento e provare il brivido di correre sulle strade che, in parte, nel 2013 saranno anche il tracciato dei mondiali di ciclismo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Lucca, in 600 alla partenza della Gran Fondo Cipollini Lucca, in 600 alla partenza della Gran Fondo Cipollini ultima modifica: 2011-06-02T10:57:21+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0