Parghelia, nuovo attentato alla ditta Restuccia

Nuova intimidazione in Calabria ai danni dell’impresa di costruzioni di Vincenzo Restuccia che negli ultimi anni ne ha subiti piu’ di cento. Persone non identificate hanno dato alle fiamme, nei pressi di Parghelia, in provincia di Vibo Valentia, un carrello adibito al trasporto di mezzi meccanici. L’episodio si e’ verificato nel cantiere allestito dall’impresa impegnata lungo il litorale tirrenico vibonese nella messa in sicurezza del territorio dopo le alluvioni dei mesi scorsi. Nella stessa zona un paio di mesi fa fu incendiato un grosso escavatore, di proprieta’ della stessa ditta. Le indagini vengono svolte dai carabinieri della Compagnia di Tropea.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parghelia, nuovo attentato alla ditta Restuccia Parghelia, nuovo attentato alla ditta Restuccia ultima modifica: 2011-06-01T19:23:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

1 commento per “Parghelia, nuovo attentato alla ditta Restuccia

  1. 2 giugno 2011 at 12:54

    Possibile che con questo continuo stillicidio di danneggiamenti, le istituzioni non riescano a scoprire, processare e punire gli autori!!?? COME PUO’, un’Azienda corretta, che non voglia piegarsi alla logica del pagamento della “mazzetta” o dell’associarsi ai “rappresentanti” locali della delinquenza o far “lavorare” gli “amici degli amici”, anche “colletti bianchi”, imperante nel ns Territorio, OPERARE ONESTAMENTE, se non viene tutelata da quello “stato”, cui deve pagare e paga, giustamente, le tasse, verso cui compie i propri doveri, ritenendo che “questo” gli debba e possa garantire i Diritti che gli spettano !!?? Nessuno vuole rendersi conto, anzi accettare, che, complici anche i ns comportamenti omertosi, giustificati però dalla inefficacia di veri e severi provvedimenti contro chi delinque, seppure individuato e denunciato, sul ns territorio, ma anche in tutta la Calabria, nel Meridione e ritengo, ormai in tutto il Paese, lo “stato” più “temuto”, poichè si fa “rispettare” di più, non è quello pubblico, che ci rappresenta, ma quello “invisibile”, anche se concreto, quello che condiziona la ns vita, economica e sociale, quello delle varie “mafie”, economicapoliticomassonica e dei “colletti bianchi” !! ASPETTIAMO FIDUCIOSI, CHE COLORO CHE, ANCORA UNA VOLTA, HANNO ARRECATO DANNI ALL’IMPRESA RESTUCCIA, VENGANO FINALMENTE INDIVIDUATI, PROCESSATI E CONDANNATI COME MERITANO E COME DOVREBBE ACCADERE IN UNO STATO DI DIRITTO, COME IL NS PRETENDE DI ESSERE !!

Commenti chiusi.