I fascisti riceveranno il contributo dallo Stato

Ex combattenti della Repubblica sociale di Salò equiparabili all’Anpi e delle altre associazioni ex combattentistiche, cioè pronti a ricevere contributi statali. L’apertura è prevista da una proposta di legge del PdL al voto della commissione Difesa della Camera, su cui si è aperto uno scontro con le opposizioni. La proposta di legge, che ha in Gregorio Fontana il primo firmatario, nasce dalla necessità di dotare le associazioni ex combattentistiche di una personalità giuridica, visto che tra l’altro ricevono dei fondi dal ministero della Difesa (tra il 2009 e il 2011 hanno ricevuto 1,5 milioni annui complessivamente). Il provvedimento stabilisce i requisiti perché queste associazioni ricevano il riconoscimento di Associazioni di interesse delle Forze Armate: tra i requisiti ci deve essere la loro apoliticità e che i loro statuti rispettino i principi di democrazia interna. I problemi cominciano perché la proposta assegna al Ministero un compito di vigilanza non solo sulla legittimità dei loro statuti, ma sulle attività stesse delle associazioni. E qui il centrosinistra vi ha visto la volontà di sottoporre a controllo l’Anpi, cioè l’Associazione nazionale partigiani.

9 su 10 da parte di 34 recensori I fascisti riceveranno il contributo dallo Stato I fascisti riceveranno il contributo dallo Stato ultima modifica: 2011-05-31T16:11:55+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0