Esame di terza media, una prova scritta in più

Finora quelle obbligatorie erano quattro: italiano, inglese, matematica, più il test, uguale per tutte le scuole. Adesso ci sarà anche lo scritto per la seconda lingua straniera, francese, spagnolo o tedesco a seconda dei casi. La novità arriva in zona Cesarini ed è contenuta nella circolare che il Ministero dell’Istruzione ha appena inviato a tutti i presidi per spiegare nel dettaglio le modalità dell’esame. La seconda lingua straniera è arrivata nelle nostre scuole medie nel 2004. Ma finora sono stati i singoli consigli dei docenti a decidere cosa fare al momento dell’esame: in molti, anche per non caricare troppo gli studenti, sceglievano di non fare una prova scritta di francese, spagnolo o tedesco ma limitarsi a qualche domanda durante l’orale. Alcune scuole sceglievano uno scritto unico (e quindi un voto unico) per le due lingue mentre altre ancora, specie in caso di “consolidate esperienze di bilinguismo”, optavano per i due scritti separati. È proprio quest’ultima possibilità che adesso diventa obbligatoria per tutti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Esame di terza media, una prova scritta in più Esame di terza media, una prova scritta in più ultima modifica: 2011-05-29T16:01:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

3 commenti per “Esame di terza media, una prova scritta in più

  1. stefano
    29 maggio 2011 at 21:39

    Ma come fate a fare una cosa del genere ai ragazzi a 20 gg agli esami? Siete incoscienti o deficienti? perchè non si poteva decidere una cosa del genere almeno tre mesi fà?

  2. anna
    30 maggio 2011 at 15:59

    ma vi rendete conto di quello che state dicendo? di quanto sia insensato informare adesso gli studenti di una prova supplementare?
    non si poteva decidere a settembre, o almeno qualche mese fa? il lavoro che abbiamo fatto a scuola era preparatorio alla prova orale, faremo una fatica enorme a prepararci decentemente! io non so se compatire o odiare chi ha deciso adesso questa cosa. solo in italia le persone vengono informate così. e poi che i politici non si lamentino se ci sono moltie ragazzi bocciati!
    ma tanto l’esame dobbiamo farlo NOI, mica loro! Vergogna!

  3. Studente01
    31 maggio 2011 at 12:49

    Roba da matti!!!!

Commenti chiusi.