Sara uccisa in casa e trasportata nel garage degli orrori

In base alle notizie, gli inquirenti avrebbero trovato conferme sui luoghi del delitto Scazzi. La quindicenne è stata uccisa in casa, poi il suo cadavere sarebbe stato trasferito in garage. Per stabilire ciò sarebbe stata determinante la mappatura delle celle dei telefonini della famiglia Misseri e di Sara compiuta dai carabinieri del Ros. Il cellulare di Sara – a quanto si apprende – alle ore 14:42 del 26 agosto, quindi subito dopo il delitto che sarebbe avvenuto poco dopo le ore 14:00, era probabilmente nel garage degli zii. Nello stesso garage interrato di via Deledda – secondo i carabinieri – si trovava il cellulare di Cosima Serrano un’ora dopo l’omicidio della piccola Sara. Il giorno dopo, invece, il telefonino della donna era in una zona compatibile con il luogo in cui venne nascosto, in una cisterna, il cadavere della quindicenne, in contrada Mosca, nelle campagne di Avetrana.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin