Ha solo 18 anni il sindaco ragazzino

Si chiama Salvatore Paradiso, ha 18 anni ed è il sindaco più giovane d’Italia. Amministrerà il comune di Bonea, paese di 1.500 abitanti nel Beneventano. Paradiso è stato eletto nelle fila di Alleanza per L’italia e guiderà una coalizione di centrosinistra. Figlio del più noto Gennaro, sindaco uscente, Salvatore ha un programma incentrato su giovani e cultura. Nelle idee politiche del giovane sindaco le posizioni centriste, comunque, sono intrecciate a istanze di protesta. Con la sua elezione Salvatore Paradiso ha abbassato di quattro anni l’età del sindaco più giovane d’Italia, strappando il record a Nicola Chionetti, 22enne primo cittadino di Dogliani nel Cuneense.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ha solo 18 anni il sindaco ragazzino Ha solo 18 anni il sindaco ragazzino ultima modifica: 2011-05-19T21:06:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

1 commento per “Ha solo 18 anni il sindaco ragazzino

  1. Gianpietro
    8 giugno 2011 at 01:40

    Oggetto: Bonea il sindaco più giovane d Italia e l arroganza del potere del padre x contatti  3347703695

    Giampietro D’Apice0.09
    Nel 2006 sono stato candidato nell amministrazione comunale di Bonea capeggiata dal sindaco Gennaro Paradiso non che padre di ( Salvatore) baby sindaco. All”orche’ fui eletto con 134 preferenze capeggiando tra gli altri candidati e andando così a ricoprire il ruolo di vice sindaco che il popolo mi aveva voluto concedere. Allo scadere del mandato il padre in una riunione politica tra le mure domestiche decise che il nuovo sindaco di Bonea sarebbe stato suo figlio all’epoca non ancora 18enne.Io non condividendo la sua scelta mi opposi e me ne andai.Il giorno seguente fui di nuovo richiamato a casa sua ,chiedendomi la mia non condivisione alla candidatura del figlio:io risposi;che quello non era modo di fare politica…..mi rispose che si fidava solo di un Paradiso, e solo a lui avrebbe lasciato la sua poltrono .Infine chiuse dicendomi queste testuali parole” chi non e con me ,allora e contro di me”!!!!Dopo due giorni dall”accaduto mi revoco’ dalla carica che occupavo senza motivazione solo per avermi opposto alla candidatura del figlio.E decidete voi se qUesta non e’DITTATURA grazie………
    Elimina

Commenti chiusi.