Pensionata di Porto Viro accoltella il marito: lei arrestata, l’uomo in ospedale

A seguito di un violento litigio tra coniugi una donna di 81 anni ha accoltellato il marito di 83 anni colpendolo alla gola.

Porto Viro: migliorano le condizioni dell’anziano

L’uomo è stato ferito con una coltellata alla gola nella sua casa in via Marangona a Porto Viro. E’ stato operato in ospedale a Rovigo e il suo quadro clinico è più stabile.

Porto Viro: vittima affetto da una malattia degenerativa

Le ferite riportate alla gola gli hanno lacerato anche il palato. L’ottantenne è affetto da una malattia degenerativa. È stato il figlio ad allertare i soccorsi.

Donna arrestata per tentato omicidio

Non è finita in carcere ma è confinata nella sua abitazione la donna che ha accoltellato il marito. L’ottantenne avrebbe utilizzato un coltello da cucina, colpendo il marito pare mentre riposava, con due coltellate all’interno della bocca, provocandogli profonde ferite interne. La donna sarebbe stata mossa da futili motivi, sembra legati al non riuscire più ad accudirlo. L’uomo era malato e aveva problemi di deambulazione.

Dopo le coltellate avrebbe prima pulito il coltello nel lavandino della cucina e poi avrebbe messo le federe del cuscino sporche di sangue nella lavatrice, per lavarle e cancellare ogni traccia. All’arrivo del figlio della coppia, che si presentava tutte le mattine per curare il padre, la donna ha confessato al figlio quello che era successo.

L’uomo ha compreso la gravità del gesto e ha chiamato il 118 prima e poi i Carabinieri a cui la donna ha ammesso le sue responsabilità.

Pasquina Pregnolato ha tentato il suicidio per il rimorso legato al tentato omicidio del marito Narciso Levizzari (leggi qui gli sviluppi).

9 su 10 da parte di 34 recensori Pensionata di Porto Viro accoltella il marito: lei arrestata, l’uomo in ospedale Pensionata di Porto Viro accoltella il marito: lei arrestata, l’uomo in ospedale ultima modifica: 2017-05-18T09:07:32+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone