Michael Karkoc accusato di avere ucciso 44 persone a Chlaniow e Wladyslawin

Dovrà rispondere dei crimini commessi durante la Seconda guerra mondiale. All’epoca l’ufficiale delle SS aveva 25 anni. Oggi ha 98 anni. Michael Karkoc, falegname in pensione, è malato di Alzheimer e abita in Minnesota. Ha ucciso, nel 1944, 44 persone nei villaggi di Chlaniow e Wladyslawin in Polonia.

Varsavia lo ha identificato come un ex comandante delle SS e ha chiesto la sua estradizione per processarlo. Dopo la fine della guerra riuscì a fuggire e nel 1949 emigrò negli USA occultando la sua vera identità.

La “caccia” al nazista

Karkoc era già stato raggiunto dalla giustizia quattro anni fa, quando un pubblico ministero tedesco lo citò in giudizio in seguito a un’indagine condotta dalla Associated Press. La sua famiglia, che nega il coinvolgimento dell’uomo in crimini di guerra, riuscì a evitare che Karkoc finisse in tribunale esibendo documenti medici che lo dichiaravano “incapace”.

Il cacciatore di nazisti Efraim Zuroff, del Centro Simon Wiesenthal, ha avanzato una richiesta di riesame da parte di medici indipendenti sul reale stato di salute dell’anziano.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone