Bagnoli, rivolta nel centro di accoglienza dei richiedenti asilo picchiato il responsabile Simone Borile

Ingenti i danni al centro di accoglienza dove venerdì sera è scoppiata una rivolta dei migranti. A sentire i rivoltosi i responsabili del centro avevano negato l’ingresso ad uno straniero proveniente da un altro centro di accoglienza situato a Este. Il rifiuto era dovuto al fatto che non l’uomo non era inserito nell’elenco degli ospiti di Bagnoli.

Quando è stato negato l’ingresso, i tre ospiti che poi si sarebbero scatenati di sera, hanno preso a calci le cellule fotoelettriche del cancello d’ingresso. La situazione è degenerata quando Simone Borile,  responsabile della cooperativa Ecofficina che gestisce i richiedenti asilo, ha filmato con il proprio cellulare i tre stranieri che davano in escandescenze all’ora di cena. Borile è stato da loro aggredito, con calci e pugni. I tre poi gli hanno strappato di mano il cellulare e sono fuggiti dal centro.

Due dei fuggitivi sono già stati identificati, ma dei tre non c’è per ora traccia.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone