Recanati, Laura Paoletti uccide il figlio Gioele di 6 anni poi si toglie la vita

Recanati donna uccide  il figlio - foto dal web

Recanati donna uccide il figlio – foto dal web

Laura Paoletti, 33 anni, ha ucciso il figlio Gioele di 6 anni, poi si è tolta la vita. Madre e figlio sono stati trovati morti in un appartamento nella zona industriale di Sambucheto di Recanati in provincia di Macerata.

Il capannone si trova in via Mariano Guzzini, nelle immediate vicinanze della iGuzzini illuminazione. A scoprire i corpi, nell’appartamento in affitto al piano superiore dello stabilimento, è stato il padre della donna, che ha lanciato l’allarme.

Tutte le piste investigative sono ancora aperte, ma prende sempre più consistenza l’ipotesi che si tratti di omicidio-suicidio. La trentenne avrebbe sparato al figlio per poi rivolgere un colpo di fucile contro di sé.

Momenti di tensione, all’esterno del capannone, tra i parenti della donna e quelli dell’ex compagno, che è stato ascoltato dai Carabinieri, per comprendere in quale contesto possa essere maturata la tragedia.

Non sarebbe stata una separazione “pacifica” quella tra la donna e il suo ex compagno, tanto che lei lo avrebbe denunciato tempo addietro per stalking. Le trattative per la separazione tra i due sarebbero state a buon punto e si stavano definendo i particolari degli incontri tra il padre e il figlio. La donna non avrebbe avuto problemi economici. Laureata in economia, era impiegata presso uno scatolificio della zona. Stava ristrutturando una casa in campagna dove andare a vivere con il bambino e per questo si era trasferita in casa del padre.

In segno di lutto, l’amministrazione comunale di Recanati ha annullato la Fiera di San Valentino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Recanati, Laura Paoletti uccide il figlio Gioele di 6 anni poi si toglie la vita Recanati, Laura Paoletti uccide il figlio Gioele di 6 anni poi si toglie la vita ultima modifica: 2016-02-13T19:58:49+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento