Milano, la Polizia locale sgombera la ex-scuola di via Strozzi

E’ stato sgomberata con un intervento della Polizia locale insieme a Polizia di Stato la ex scuola media “Cardarelli” di via Strozzi, zona Bande Nere, chiusa in emergenza per amianto dall’estate del 2013 e più volte oggetto di atti vandalici.

Presenti anche gli agenti dell’Unità cinofila della Polizia locale che hanno trovato una cinquantina di giacigli e una trentina di persone, tutti adulti. Nei giorni scorsi vi era stato anche un sopralluogo dell’assessore alla Sicurezza e Coesione sociale Marco Granelli con la Polizia locale che aveva constatato il grande degrado e la presenza di occupanti abusivi.

Nei giardini di via S. Caterina da Forlì, che si trovano di fronte all’edificio, si sono avuti episodi di piccolo spaccio segnalati anche dai genitori di alcuni bambini e riconducibili agli occupanti della ex scuola di via Strozzi, anche per questo si è reso necessario lo sgombero.

Gli occupanti, tutti risultati senza fissa dimora, tre anche senza documenti e quindi trattenuti per accertamenti, sono stati allontanati e l’edificio è stato immediatamente messo in sicurezza.

“Con l’intervento abbiamo posto fine a una situazione di forte  disagio per il quartiere e a un’occupazione illegale e pericolosa – dichiarano gli assessori  Marco Granelli e Carmela Rozza (Lavori pubblici e Arredo urbano) – . Adesso possiamo portare avanti con maggiore tranquillità il piano di rinascita della scuola: per marzo contiamo di assegnare la demolizione della struttura, successivamente con un appalto distinto affideremo i lavori di ricostruzione”.

Chiusa in seguito al ritrovamento dell’amianto, la scuola di via Strozzi sarà ricostruita in legno. L’importo complessivo dei lavori è di 13.500.000 di cui 5 stanziati dal Governo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, la Polizia locale sgombera la ex-scuola di via Strozzi Milano, la Polizia locale sgombera la ex-scuola di via Strozzi ultima modifica: 2016-01-16T08:23:24+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone