Bologna, intervento di housing sociale al quartiere Navile

Trecentodiciassette alloggi di Edilizia residenziale sociale (Ers) nel quartiere Navile, verranno realizzati con un contributo di 10 milioni di euro da parte della Regione. Lo prevede un accordo con l’Amministrazione comunale che attua un precedente Protocollo in tema di Housing Sociale. Il contributo regionale è destinato, in particolare, ad abbattere il costo di realizzazione delle infrastrutture necessarie per l’erogazione del servizio di Edilizia residenziale sociale (alloggi, e opere di urbanizzazione) e ridurre quindi in modo significativo per i destinatari i prezzi di vendita e i canoni di locazione rispetto a quelli offerti dal libero mercato.

L’operazione prevede la concessione in locazione di 317 alloggi realizzati secondo tre formule: il 26% (circa 83 alloggi) in locazione a 8 anni con patto di futura vendita, altrettanti in locazione a 15 anni, il 48% (circa 153 alloggi) in locazione di lungo termine (20 anni). Diverse le tipologie che verranno realizzate: 142 unità da 1 o 2 persone, 144 unità da 3 o 4 persone, 34 unità per 5 persone o più. I beneficiari sono le famiglie della cosiddetta “zona grigia”, ovvero nuclei che non hanno requisiti per rientrare nelle graduatorie dell’Erp (Edilizia residenziale pubblica) ma al tempo stesso non hanno i mezzi per accedere ai prezzi di mercato.

Il Protocollo tra Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna risale al settembre 2012 e intende promuovere la programmazione e l’attuazione di misure innovative nel campo dell’Edilizia residenziale sociale e della valorizzazione urbana. Il Protocollo impegna, tra l’altro, la Regione a destinare al progetto risorse proprie – non escludendo risorse economiche aggiuntive statali e/o europee – e il Comune a conferire aree proprie, in diritto di proprietà, anche promuovendo o incentivando forme di partenariato pubblico – privato. Il Comune di Bologna ha destinato una cospicua quota di “capacità edificatoria” all’interno del comparto R5.2 Navile, lotti – H e N all’Edilizia residenziale sociale.

Per verificare l’interesse degli operatori del settore edile e finanziario nel gestire questo servizio, il Comune di Bologna, nell’autunno 2014, ha avviato un’indagine conoscitiva pubblicando un apposito avviso. Hanno manifestato interesse tre aziende qualificate. Due di queste Società, nel corso dell’estate del 2015, si sono poi candidate ad attuare l’operazione tramite una procedura di finanza di progetto.
Il 24 novembre scorso il Comune, con propria delibera di Giunta, ha indicato la proposta di Investire SGR d’interesse pubblico: è questa la società che ha assunto il ruolo di promotore della finanza di progetto per l’operazione di Housing Sociale al Navile.
Si è poi giunti, in tempi brevi, all’accordo attuativo del Protocollo di collaborazione tra Regione e Comune in tema di Edilizia residenziale sociale, in modo da garantire gli atti necessari per poter procedere al bando di gara entro il mese di febbraio 2016.

0
SHARES
0