Polizza Incendio e Scoppio: come risparmiare e a cosa stare attenti

653

La Polizza Incendio e scoppio tutela dai danni causati agli immobili in seguito a eventi come incendi, esplosioni, fughe di gas, corto circuiti, eventi atmosferici.

Si tratta di uno strumento fondamentale che garantisce stabilità e sicurezza all’assicurato e alla sua famiglia.

La copertura della Polizza agisce su due livelli: da un lato protegge la Banca in caso di imprevisti che possano impedire al contraente di coprire il prestito; dall’altro tutela l’investimento del mutuatario in caso di circostanze impreviste che possano danneggiare l’immobile oggetto del mutuo.

La casa rappresenta, del resto, uno dei beni più importanti per gli italiani, da sempre popolo di “proprietari”.

Non si tratta di un semplice stereotipo ma di un aspetto confermato anche dal documento diffuso recentemente dal ministero dell’Economia e della Finanza (MEF), l’Atto di indirizzo 2021-2023, da cui è emerso che la percentuale degli italiani proprietari di immobili è pari al 73%.

Un dato significativo soprattutto se messo a confronto con quelli degli altri Paesi dell’Europa occidentale, come la Germania e la Francia, in cui la percentuale è rispettivamente di 51,9% e 63,5%.

Le Polizze in commercio hanno più o meno tutte le stesse caratteristiche, tuttavia prima di firmare il contratto è importante considerare alcuni aspetti che spesso, per scarsa conoscenza o superficialità, vengono trascurati.

A quali aspetti fare attenzione per l’assicurazione scoppio e incendio

Se cerchi una Polizza Incendio e Scoppio, per il Mutuo e la Casa, è fondamentale ricordare alcuni punti per risparmiare e per tutelare al meglio il proprio investimento.

Stipulare la Polizza per il valore di ricostruzione a nuovo della casa e non per l’importo del mutuo

Molti si lasciano condizionare dal legame che la Polizza Incendio e Scoppio ha con il mutuo, finendo per sottoscrivere l’assicurazione per un importo pari a quello del mutuo.

Tuttavia, essendo l’immobile a subire il danno, risulta più conveniente stipulare la Polizza considerando il valore di ricostruzione a nuovo di quest’ultimo (dove per valore di ricostruzione a nuovo si intende la spesa totale per ricostruire un immobile con le medesime caratteristiche).

In questo modo, nel caso si verifichi uno dei rischi coperti dall’assicurazione, la Compagnia rimborserà alla banca una somma pari al danno subito dall’abitazione e necessaria al suo ripristino. Se invece l’incendio dovesse provocare danni tali da non poter ricostruire l’immobile la Compagnia rimborserà in ogni caso l’istituto bancario e, successivamente, quest’ultimo restituirà all’assicurato, una somma pari alle rate del mutuo già versate. 

Scegliere una soluzione a “Premio unico”

Una Polizza Incendio a “Premio unico” consente, attraverso un unico versamento, di ottenere una copertura per tutta la durata del prestito.

L’assicurato, in questo modo, disporrà di:

  • una copertura per incendi, fulmini, esplosioni, fenomeni atmosferici e atti vandalici;
  • un indennizzo per il rimborso dei danni derivanti da fenomeni elettrici e delle spese di ripristino.

Le garanzie incluse nella Polizza saranno disponibili semplicemente pagando una tantum, senza la preoccupazione di dover rinnovare la Polizza ogni anno.

Ricordiamo inoltre che una Polizza a “Premio unico” consente di risparmiare, rispetto a una soluzione annuale.

In caso di estinzione anticipata del mutuo la Compagnia ha il dovere di versare il rimborso della somma già pagata, nei tempi e nelle modalità indicate dal contratto e previste dalla legge. 

Attivazione Incendio e Scoppio e Banche: cosa dice la legge

L’attivazione della Polizza incendio e scoppio avviene contestualmente alla sottoscrizione del mutuo e al pagamento della rata del prestito erogato dalla banca.

Se da un lato la Banca ha il potere di obbligare il mutuatario a stipulare la Polizza, dall’altro quest’ultimo ha la possibilità di scegliere con quale compagnia assicurarsi.

Nonostante infatti banche, e istituti di credito, possano indicare al consumatore delle soluzioni assicurative, devono rispettare il dovere, imposto dalla legge, di presentare al mutuatario almeno due preventivi differenti.

Quest’ultimo inoltre, se non è soddisfatto del piano assicurativo proposto dall’istituto bancario, può proporre un’alternativa presentando una soluzione offerta da una Compagnia a sua scelta.

L’articolo 36 bis del Decreto Salva Italia dichiara infatti che:

 «È considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario.»

La legge quindi tutela il consumatore e la sua libertà di scelta.

Si introduce in questo contesto il Regolamento dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (ISVAP) che ha definito le caratteristiche standard di una Polizza, Introducendo un modello standard di preventivo.

L’obiettivo è quello di limitare la discrezionalità degli istituti di credito e la possibilità di imporre al mutuatario la stipulazione di una Polizza, rispetto a un’altra in assenza di motivazioni oggettive.

Convieneonline.it: il tuo assicuratore online

Se cerchi una Polizza Incendio e Scoppio con una consulenza professionale attenta alle tue necessità, puoi rivolgerti a piattaforme Online come Convieneonline.it: una delle prime piattaforme insurtech sviluppate in italia. Una società italiana, nata in Abruzzo, che ha sviluppato un portale che offre i più alti standard di sicurezza e affidabilità, grazie anche alla collaborazione con le più grandi compagnie del mondo.