Torna questa sera su Italia 1 Freedom – Oltre il Confine il programma di divulgazione condotto da Roberto Giacobbo

1081

Per gli appassionati di scienza, di misteri, di curiosità, è un appuntamento da cerchiare in rosso nel calendario. Questa sera, domenica 19 dicembre 2021, su Italia 1 riparte l’appuntamento settimanale con le nuove puntate di Freedom – Oltre il Confine, il programma di divulgazione condotto da Roberto Giacobbo. L’appuntamento con la prima puntata di tredici, della nuova stagione è per stasera alle 21:20 su Italia 1.

Grafica ed impaginazione rinnovate, immagine sempre più curata, grazie a telecamere di nuova generazione e nuovi contenuti. Tra le novità, la rubrica “Un museo in 10 minuti” e una sui segreti della mente.

A Las Vegas, negli USA, la domanda sarà: è possibile leggere nel pensiero? C’è chi la chiama percezione extrasensoriale, chi telepatia e chi sesto senso. È ipotizzabile che le menti siano collegate l’una all’altra? È possibile comunicare senza usare parole? Molti hanno cercato di studiare questi fenomeni, anche con esperimenti scientifici. La Princeton University ha dedicato anni di ricerche alla materia e c’è chi è convinto che l’uomo sia in grado di vedere non solo con gli occhi. Roberto Giacobbo incontra Gerry Mc Cambridge, Il Mentalista, che della sua capacità di leggere la mente ha fatto una vera e propria arte.

Freedom scende nelle Cave di Monteverde, sotto il cuore di Roma. Percorrendo le maestose stanze in tufo, situate a circa 35 metri di profondità, si arriva a un lago sotterraneo. Tra questi, una stanza di recente scoperta, colma di stalattiti che hanno raggiunto lunghezze impensabili: 10 centimetri in soli 50 anni. Una straordinaria Camera del Tempo, dove la natura corre e il tempo è andato più veloce.

Il percorso prosegue con una visita in un luogo che sembra sospeso nel tempo: si tratta della Rocchetta Mattei, in provincia di Bologna, che fu costruita nel 1850 dal conte Cesare Mattei. Al suo interno, architetture medievali e orientali si uniscono per uno spettacolo unico che lascia abbagliati. La storia di questo luogo è legata all’elettromeopatia che sembrava guarire le persone medianti medicamenti caricati elettricamente.