Firenze. L’impegno dei medici in prima linea diventa un fumetto: donato all’Ospedale Santa Maria Nuova

337

La solitaria figura di un medico stremato, un’immagine che assurge a icona dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo: “Sospesi” è l’opera che l’artista Antonio Federico ha donato alla Fondazione Santa Maria Nuova di Firenze. Realizzata col tratto fluido e d’impatto dell’illustrazione digitale, “Sospesi” è stata svelata stamani nella Sala Conferenze dell’Ospedale di Santa Maria Nuova, alla presenza dell’autore, del presidente della Fondazione Santa Maria Nuova di Firenze Giancarlo Landini, della vicesindaca del Comune di Firenze Alessia Bettini, dell’assessore a Welfare Sara Funaro, del direttore del Dipartimento Assistenza Infermieristica e Ostetrica AUSL Toscana Centro Paolo Zoppi e del dirigente Infermieristico AUSL Toscana Centro Monica Marini.

“Accogliamo con entusiasmo l’opera di un artista che, attraverso stilemi vicini ai giovani, ha immortalato un momento drammatico e significativo della nostra storia – ha dichiarato il presidente della Fondazione Santa Maria Nuova di Firenze Giancarlo Landini – ‘Sospesi’ è un memento e al contempo un tributo a tutto il personale sanitario per la dedizione dimostrata dall’inizio della pandemia”.

“Saper raccontare per immagini momenti difficili come quello che abbiamo attraversato è una capacità rara, Antonio Federico l’ha dimostrata, lo ha fatto anche a Palazzo Vecchio in un’iniziativa che abbiamo organizzato a un anno dalla pandemia. È davvero bello e significativo che abbia messo a disposizione la sua arte per una realtà così importante per la nostra città come la Fondazione Santa Maria Nuova”, ha aggiunto la vicesindaca Alessia Bettini.

“L’opera che Antonio Federico ha donato all’Ospedale Santa Maria Nuova è l’emblema del periodo storico che stiamo vivendo – ha detto l’assessore a Welfare Sara Funaro -. L’esposizione all’interno della struttura ospedaliera di questa bella e significativa immagine ricorderà a pazienti e visitatori il ruolo importante che medici e personale sanitario hanno svolto nella lotta al Covid, schierandosi in prima linea. Il loro è stato un contributo fondamentale, non si sono risparmiati, mettendo in campo enormi sacrifici e una grande professionalità per la cura dei malati. A tutti loro, uomini e donne che giorno e notte hanno offerto assistenza ai ricoverati, va il nostro più immenso ringraziamento”.

“Con otto secoli di storia, Santa Maria Nuova è l’unico ospedale un percorso museale – ha aggiunto il direttore del Dipartimento Assistenza Infermieristica e Ostetrica AUSL Toscana Centro Paolo Zoppi – che annovera opere, tra gli altri, di Leonardo Da Vinci, Lorenzo Ghiberti, Piero della Francesca. ‘Sospesi’ apre un’ulteriore finestra, stavolta sul contemporaneo, a conferma che l’arte è un processo in continuo divenire”.

Ha spiegato l’artista, Antonio Federico: “‘Sospesi’ è una sorta di istantanea che, in una sola immagine, racchiude mille e più storie vissute dal personale sanitario in questi mesi lunghe ore in ospedale, l’instancabile volontà di aiutare colleghi e pazienti, di superare momenti difficili. Il volto del medico è celato dalla mascherina, il corpo avvolto dalle protezioni, ma i suoi occhi parlano e trasmettono emozioni intense”.

Per trasformare le sue intime riflessioni in immagini e liberare d’istinto le emozioni, Antonio Federico utilizza prevalentemente la tavoletta grafica, strumento espressivo assai versatile che gli consente all’istante di dare forma ai suoi pensieri, evitando ogni possibile ripensamento che potrebbe influenzare e condizionare l’idea originaria. Ed è questa la grande capacità dell’artista, saperli catturare organizzare graficamente all’interno dello spazio limitato del foglio.

Laureato e specializzato in tecniche artistiche, Antonio Federico è apprezzato per le sue opere ispirate all’attualità. Alcune di esse hanno emozionato profondamente, tanto da esser condivise da milioni di persone, come la vignetta dedicata alla scomparsa del calciatore della Fiorentina, Davide Astori.
Molti giornali tra cui il Corriere della Sera e “La Repubblica” hanno pubblicato le sue illustrazioni menzionando più volte la pagina social “antoniofedericoart” dove racconta ogni giorno emozionanti storie illustrate.

Collabora per la prestigiosa Nemo Academy e lo studio di illustrazione editoriale Creativity Network.
Ha ricevuto molti premi. Durante il periodo di lockdown sui canali social ha ideato dirette live “L’arte non va in quarantena” raccontando il lato umano di ogni artista. Da pochi giorni è uscito il suo libro “L’umanità cercata ed illustrata dalla finestra di un social network”, con introduzione di Bruno Bozzetto. Antonio Federico insegna attualmente discipline artistiche presso il Liceo Artistico di Prato.