Kim Jong-un è vivo: appare in pubblico dopo 20 giorni

356

Il dittatore nordcoreano è vivo, riappare in pubblico dopo 20 giorni. In una foto Kim Jong-un si vede mentre taglia il nastro rosso dio uno stabilimento industriale. In altri scatti sorride in mezzo ai funzionari di regime, mentre ispeziona la struttura. Kim Jong-un è vivo. Sabato mattina Rodong Sinmun ha scritto che il dittatore, di cui non c’erano notizie da 20 giorni, ha presenziato alla cerimonia di inaugurazione di una fabbrica di fertilizzanti nella città di Sunchon, 50 chilometri a Nord di Pyongyang.

L’ispezione è avvenuta venerdì, in occasione della festa del Primo Maggio. I documenti sull’uscita pubblica del dittatore smentiscono le voci circolate negli ultimi giorni secondo cui Kim sarebbe stato in gravi condizioni, o addirittura morto, dopo un intervento chirurgico andato male.

La sua ultima apparizione risaliva all’11 aprile. In quell’occasione aveva presieduto una riunione del Politburo del Partito dei lavoratori. Poi più nulla. Il giallo aveva scatenato un dibattito sulla successione, essendo i figli del dittatore troppo giovani per governare. Tra i papabili molti indicavano la sorella minore Kim Yo-jong, il cui ruolo di braccio destro del fratello nell’ultimo periodo è stato sempre più evidente.

L’assenza dalle scene del dittatore si è conclusa dopo venti giorni. Non è l’unica. Nel 2014 Kim sparì per sei settimane, tornando poi in pubblico con un bastone. I media menzionarono problemi di salute, senza specificare. Nelle fotografie dell’evento il dittatore di 36 anni non sembra mostrare evidenti problemi fisici, anche se gli scatti sono stati accuratamente vagliati dalla propaganda. Nelle immagini nessuno dei presenti porta la mascherina protettiva, né il dittatore né gli uomini al seguito. Secondo la versione ufficiale, Kim ha tagliato il nastro dello stabilimento chimico salutato dagli “evviva” dei presenti e salutando il “grande successo” del regime. La fabbrica di fertilizzanti di Sunchon, cantiere avviato nel 2016, dovrebbe aiutare l’industria agricola nazionale ad essere meno dipendente dalle importazioni chimiche, colpite dalle sanzioni. Il dittatore l’aveva già vistata lo scorso gennaio. A fianco a lui durante l’ispezione c’era proprio la sorella Kim Yo-Jong, che nei giorni scorsi mezzo mondo aveva già incoronato dittatrice.