Coronavirus. Si tornerà a scuola dopo Pasqua o il 4 maggio: ecco perché

814

Repubblica nella sua edizione online scrive che “la direzione generale del ministero dell’Istruzione ha scritto, attraverso i due capi dipartimento centrali, a tutti i dirigenti scolastici d’Italia e agli Uffici scolastici regionali: a scuola non si terranno più collegi docenti fino al prossimo 3 aprile”. I dirigenti scolastici, contattati dal quotidiano, sostengono che “è il segnale che sarà probabilmente prorogata la chiusura delle scuole in tutto il Paese, oggi prevista fino a domenica 15 marzo”. Per Repubblica si va senza dubbio “verso una lunga sospensione della didattica in aula. Se il blocco a venerdì 3 aprile venisse confermato, il ritorno a scuola sarebbe previsto per lunedì 6, a ridosso delle vacanze di Pasqua previste da giovedì 9 a martedì 14 aprile. Sembra difficile, però, un ritorno all’attività scolastica per soli tre giorni, quindi prende sempre più robustezza l’ipotesi di una chiusura degli istituti scolastici almeno fino al 15 aprile”. “E’ il secondo scenario previsto dal ministero. Il terzo ipotizza, invece, un rientro lunedì 4 maggio”. La circolare inviata dal Mi ai presidi precisa che la presenza dei collaboratori scolastici, constatata la pulizia dei vani e dei corridoi dell’edificio, farà sì che saranno attivati “i contingenti minimi”, ci si riferisce appunto ai bidelli, “stabiliti nei contratti integrativi”. In un passaggio del testo i capi dipartimento ricordano, a proposito della valutazione, che la “dimensione docimologica” (il voto, per comprensione) viene lasciata alla scelta dei docenti, “senza istruire particolari protocolli che sono più fonte di tradizione che normativa”.