Guida all’acquisto dei passaoggetti: a che cosa servono e come sceglierli

Pensati per favorire il trasferimento di soldi, documenti o altri oggetti in condizioni di sicurezza, i passaoggetti possono, a seconda dei casi, essere installati su serramento o su parete: in entrambe le circostanze mettono a disposizione una soluzione efficace per portare a termine transazioni che richiedono standard di sicurezza particolarmente elevati. È nelle stazioni di servizio e nei negozi che questi articoli garantiscono la massima funzionalità, anche perché si rivelano facili da utilizzare; possono trovare posto, comunque, anche nei negozi di compro oro e nelle stazioni di polizia. Ulteriori ambiti di applicazione vanno individuati nei centri di reclusione e negli istituti finanziari.

Dove trovare passaoggetti di qualità

Chi è alla ricerca di passaoggetti in grado di coniugare praticità d’uso e funzionalità può fare riferimento al catalogo proposto da Simes, che comprende una vasta selezione di modelli concepiti e messi a punto per adattarsi agli impieghi più vari. L’assortimento di questo marchio comprende passaoggetti e passadocumenti le cui misure possono essere personalizzate su richiesta. Tra gli utilizzi possibili c’è lo scambio di borse e documenti, che avviene in totale sicurezza. Le vaschette passadocumenti, in particolare, sono realizzate in lamiera di acciaio inox, ed eventualmente possono essere decorate con lavorazioni a disegno. Sul sito dell’azienda sono disponibili tutte le schede tecniche relative ai prodotti, con l’indicazione delle misure e dei materiali di composizione.

Come è fatto un passaoggetti

Sul mercato si possono trovare numerose versioni di passaoggetti, ma il materiale che si tende a privilegiare è l’acciaio inox. Le lamiere in acciaio, infatti, non solo assicurano una resa estetica notevole, ma sono anche sinonimo di solidità e di resistenza. Che vengano verniciate a polveri o sottoposte ad altri trattamenti, offrono una notevole longevità nel corso del tempo e altrettanta robustezza. In un passaoggetti classico, nel momento in cui il piano superiore viene fatto scorrere il cassetto interno viene spostato in automatico nel senso contrario. In caso di necessità, si può prevedere una blindatura balistica o maggiorata.

Come funzionano i passaoggetti

Una versione alternativa dei passaoggetti prevede che il pomo venga spinto verso l’esterno dall’operatore in modo che il cassetto possa essere fatto fuoriuscire. A questo punto, una volta che i documenti sono stati inseriti all’interno del cassetto, il pomo viene tirato verso l’interno: così all’operatore non rimane altro da fare che aprire lo sportellino collocato nella parte superiore e prelevare i documenti o gli oggetti che si trovano al suo interno. Una soluzione di questo genere può essere adottata, tra l’altro, nelle case circondariali, nei supermercati e nelle farmacie, ma anche nei contesti un po’ più a rischio come le gioiellerie e le banche. Si tratta di un passaoggetti che si può installare su serramento o a parete, offrendo la massima versatilità e riuscendo ad adattarsi ai contesti più vari.

I modelli a bilico

Infine, vale la pena di citare i modelli a bilico, che permettono il trasferimento di oggetti e documenti tramite una tamponatura blindata: il blocco del movimento è reso possibile da una serratura cosiddetta a spillo.

I passapacchi

Una particolare categoria di prodotto in questo ambito va individuata nei passapacchi blindati, che rendono possibile lo scambio di oggetti ingombranti come, appunto, i pacchi. Si tratta di elementi composti da due porte che possono essere azionate tramite una tastiera elettronica che ne consente il controllo. Non c’è alcuna possibilità di contatto fra le due parti grazie all’apertura di tutti e due gli accessi nello stesso momento. I passapacchi sono progettati per garantire la massima inaccessibilità, e proprio per questo motivo vantano una classe di resistenza ai proiettili molto alta.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin