La Toscana per il rafforzamento del ruolo delle Regioni nella nuova Pac

“Maggiori risorse e rafforzamento del ruolo e del peso delle Regioni nella gestione e attuazione della nuova Politica agricola comunitaria (Pac) 2021-2027”. E’ questo, in sintesi, quanto chiesto nel “Manifesto” della Coalizione delle Regioni Agricole Agriregions, firmato a Rennes (Francia), nella regione della Bretagna, per la Toscana dall’assessore all’agricoltura Marco Remaschi all’interno di Space 2019, la fiera internazionale dedicata all’agricoltura. Della coalizione fanno parte, ad oggi, 14 tra le più importanti regioni agricole europee che rappresentano oltre il 13% della popolazione dell’UE e il 18% della superficie agricola utilizzata.

“In un contesto di intensificata competizione globale e crescenti disparità territoriali – ha sottolineato l’assessore Remaschi – la PAC deve mantenere un collegamento diretto con le aree rurali attraverso un coinvolgimento attivo delle regioni dell’Unione Europea, compreso un ruolo nella definizione e attuazione delle politiche di sviluppo agricolo e rurale a livello locale”. “Le Regioni non possono perdere l’interlocuzione col livello europeo – continua Remaschi – ed è quindi vitale ristabilire e rafforzare il ruolo dei territori così come previsto anche dalla nostra Costituzione che attribuisce alle Regioni e alle Province autonome competenze primarie nella gestione delle politiche agricole; abbiamo agricolture molto diverse in Italia e rischiamo di perdere in efficacia e capacità di risposta ai fabbisogni settoriali e locali. E’ importante quindi riconoscere la legittimità delle regioni europee a progettare, gestire e attuare interventi della PAC a livello regionale per promuovere la transizione verso un settore agricolo più sostenibile e competitivo, aumentare l’attrattività delle zone rurali, combattere lo spopolamento, attrarre nuovi agricoltori e garantire l’inclusione sociale”.

Nella discussione sulla futura Pac, ha infine osservato l’assessore, le risorse sono elemento fondamentale. In vista di una Brexit non ancora definita occorre prevedere uno sforzo di riallocazione di fondi da altri programmi o almeno un ulteriore piccolo aumento contributivo degli Stati poichè non possiamo rischiare tagli ai Programmi di sviluppo rurale in una misura compresa tra il 17% e il 25%, sarebbe davvero mettere in ginocchio un settore fondamentale per l’economia del Paese.

La Coalizione Agriregions è la voce delle regioni europee mobilitate per difendere una futura Politica agricola comune, equa e sostenibile ed il ruolo delle regioni europee nella sua attuazione; ma rappresenta anche una “strategia di alleanza che permetta di portare una visione e dei messaggi comuni presso i decisori europei”, e una “rete di scambio e di influenza all’interno delle negoziazioni interistituzionali per la Pac post 2020”.

In un momento in cui si discute della riforma della nuova PAC ed in cui i Programmi di Sviluppo rurale (PSR) rischiano un pesante taglio di risorse, la coalizione rappresenta, ad oggi, alcune tra le più importanti regioni agricole dell’UE di 6 diversi Stati membri: Bretagna, Paesi della Loira, Nuova Aquitania, Alvernia-Rodano-Alpi, Emilia-Romagna, Toscana, Provincia autonoma di Bolzano – Alto Adige, Andalusia, Castiglia e Léon, Estremadura, Azzorre, Baviera, Baden-Württemberg, Wielkopolska.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin