L’Italia di Kean travolge il modesto Liechtenstein

111

Il nuovo e il “vecchio”: Kean e Quagliarella. Sono le due facce dell’Italia di Mancini, squadra concreta e scoppiettante. Il 6-0 di ieri sera fa bene alla classifica e all’umore. In campo si è vista una Nazionale viva, vogliosa di fare gioco sino all’ultimo istante, affamata di go. Bene, anzi benissimo. La seconda gara di qualificazione a Euro 2020 vede l’Italia travolge 6-0 il modesto Liechtenstein. Gli azzurri così rimangono in vetta al gruppo J a punteggio pieno e staccano le avversarie. Gara senza storia al Tardini. Sensi al 17′ sblocca il match, poi Verratti trova il raddoppio al 32′. Al 35′ e al 48′ pt la doppietta su rigore di Quagliarella, il più vecchio marcatore della storia della Nazionale. Nel secondo tempo c’è gloria anche per Kean (70′) e Pavoletti, subito a segno al debutto (77′). L’attaccante doriano conferma il suo stato di grazia e non manca all’appuntamento con la storia. La doppietta su rigore consente al bomber dalle 36 primavere di diventare il più vecchio marcatore della Nazionale, scalzando dal primo posto Christian Panucci.