Due genitori che di lavoro fanno i pornodivi: la storia di Leonardo Tano

359

Dei figli d’arte si parla spesso. Le riviste di gossip accendono spesso i riflettori sui ragazzi predestinati. Si fa un gran parlare dei figli di Francesco Totti ma anche della figlia di Eros Ramazzotti. In effetti il Pupone ha un figlio calciatore nella Roma e Aurora, invece, lavora in tv come la madre. Poi quando entrambi i genitori sono famosi i rumors impazzano. Sono tantissimi coloro che scelgono di seguire le orme dei genitori, alcuni li superano in bravura. Ce ne sono altri però che decidono di percorrere altre strade. E’ il caso di Leonardo Tano.

Il figlio della star del porno Rocco Tano in arte Rocco Siffredi

Leonardo Tano “Siffredi” ha concesso di recente un’intervista al settimanale Chi. Curioso l’aneddoto su come lui e il fratello hanno scoperto il mestiere dei genitori. Non sono andati sul web a spulciare siti specializzati come italianoxxx.com, ma bensì hanno trovato il classico e oggi sempre meno utilizzato dvd. Dall’unione del Re del porno italiano e la moglie Rosa Taszi (Caracciolo in arte – era anche lei attrice porno) sono nati Lorenzo (23 anni) e Leonardo (20 anni). Il più giovane ha raccontato che quando era bambino insieme al fratello ha avuto tra le mani il dvd dal titolo Tarzan. Tutto lasciava intendere si trattasse del cartone animato. Quindi Lorenzo e Leonardo hanno visto il video ma le immagini mostravano i genitori che recitavano in un film porno. “Un giorno io e mio fratello eravamo nella nostra casa di Budapest mentre i nostri genitori erano all’estero. Abbiamo visto un dvd con scritto Tarzan. Noi, pensando che fosse un cartone animato, l’abbiamo messo nel lettore e abbiamo visto che, invece, era un film dove recitavano mamma e papà” racconta Leonardo Tano.

Il futuro di Leonardo Tano

Molti lo accostano al padre e lo vedrebbero come erede naturale. Tuttavia lui non la pensa così. Il ventenne è uno studente di ingegneria meccanica. Appassionato di moto. Ha una ragazza e predilige il sesso fatto con amore. Ha però ammesso che anni addietro avrebbe trovato divertente un lavoro come quello dei genitori. Leonardo ha un rapporto speciale con il padre Rocco. “Fino a qualche anno fa lui era quello che ci faceva giocare, oggi è più ‘mentore’, abbiamo un rapporto adulto. Quando papà deve parlare di sesso con me e mio fratello è molto timido, quasi in imbarazzo” riferisce. “Ma, se ci sono amici a cena, comincia a raccontare di tutto, come se non ci fossimo. Quando andavo a scuola tutti sapevano chi fosse mio padre, se qualcuno faceva battute ridevo anche perché, se avessi fatto credere che per me poteva essere un problema, mi avrebbero preso in giro ancora di più”.