Firenze. La battaglia di Virginia Woolf per l’accesso delle donne alle professioni

Domenica 23 settembre, ingresso libero, alle ore 21,00, all’auditorium al Duomo in via de’ Cerretani, 54/R a Firenze, nell’ambito della prima edizione de “L’Eredità delle Donne”, la Compagnia Attori & Convenuti presenta “Ho ucciso l’Angelo del focolare. La battaglia di Virginia Woolf per l’accesso delle donne alle professioni”. Il “reading” è stato presentato in Palazzo Vecchio con la presidente della Commissione cultura e sport Maria Federica Giuliani, la presidente della Compagnia teatrale Attori & Convenuti Grazia Doni, il direttore artistico della Compagnia teatrale Gaetano Pacchi, il segretario dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Firenze Gabriele Bonoli e la presidente del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Firenze Serena Lanini.

“Uno spettacolo che fa parte del festival su L’Eredità delle Donne diretto da Serena Dandini e si svolge in contemporanea con le Giornate europee del patrimonio. Un festival – sottolinea la presidente della Commissione cultura e sport Maria Federica Giuliani – che mette al centro la figura femminile. La figura della donna nell’ultimo secolo è mutata. Si è arrivati all’uguaglianza di genere grazie al talento e alla determinazione delle donne. Lo spettacolo ricorda la figura di una grande scrittrice di inizio ‘900, Virginia Woolf, che è stata tra le antesignane di coloro che hanno sottolineato il ruolo, la determinatezza e l’autonomia delle donne”.

Lo spettacolo consiste in una lettura di brani selezionati e montati da Gaetano Pacchi tratti da alcune opere di Virginia Woolf che focalizzano il pensiero della scrittrice inglese sui vari aspetti della condizione della donna, in generale, e di quella “che si guadagna da vivere con le libere professioni”. Il Comitato Pari Opportunità dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Firenze, nato nel 2009, è nato per individuare e rimuovere tutti gli ostacoli che il Collegio trova nel vivere la vita professionale, per questo motivo ha promosso con successo un coordinamento tra gli ordini professionali.

Lascia un commento