Come scegliere un frullatore ad immersione di qualità?

130

Quando si ha la necessità di acquistare un frullatore ad immersione viene naturale chiedersi quali sono gli aspetti tecnici da valutare e quali le migliori marche, se si vuole avere tra le mani un prodotto efficiente e che svolga egregiamente il proprio lavoro in cucina bisogna chiedersi qual è precisamente la sua destinazione finale di utilizzo. Infatti, a seconda dell’intensità del suo utilizzo e del tipo di necessità che deve soddisfare, la scelta dovrà ricadere su frullatori ad immersione con caratteristiche tecniche e di costruzione diverse.

Le caratteristiche tecniche da valutare

Un primo aspetto tecnico da valutare per scegliere un frullatore ad immersione di qualità è la potenza e il tipo di motore che può essere a corrente continua o alternata. La differenza sostanziale tra i due tipi di motore è legata ai consumi e alla durata dell’utilizzo continuativo: i motori CC possono avere una potenza dai 200 W agli 800W, mentre per i motori AC abbiamo potenze più basse che vanno dai 150 W ai 300 W. I motori a corrente continua si surriscaldano più facilmente per cui si consiglia di attivarli a intermittenza a distanza di 30 secondi circa e lasciarli raffreddare 2 minuti, mentre i motori AC sono in grado di eseguire sessioni di lavoro più lunghe senza alcun problema. Il secondo aspetto tecnico da tenere in considerazione è quello relativo ai livelli di erogazione della potenza, solitamente i frullatori ad immersione ne presentano almeno due, il “normale” e il “turbo”, poi a seconda del numero di accessori in dotazione, ci sono alcuni modelli che anche più di 10 livelli di potenza selezionabili. Anche la struttura del frullatore è un elemento deciso per scegliere un modello invece che un altro, solitamente si osserva il sistema di aggancio e sgancio del gambo, il profilo della campana di protezione delle lame, le lame e il materiale del corpo del motore e del gambo. Scegliere un frullatore ad immersione col gambo separabile e lavabile è sicuramente la scelta migliore perché è possibile lavare comodamente le parti che lo compongono; solitamente il sistema di aggancio e sgancio è a tasto singolo o doppio. Importante anche la qualità dei materiali di costruzione, per esempio, scegliere un frullatore ad immersione braun con il corpo in plastica e il gambo in acciaio permette di lavorare i cibi caldi, cosa che non è possibile con la struttura completa in plastica, per cui bisogna avere bene in mente l’utilità finale del prodotto prima di decidere quale acquistare. Anche le lame e la campana devono essere di ottima fattura e avere un design che favorisce un lavoro sicuro e pulito; importante anche l’ergonomia del prodotto, bisogna che l’impugnatura sia realizzata in modo da dare una presa comoda e sicura durante la lavorazione del cibo. Infine, se si sta cercando un frullatore ad immersione che offra più funzioni, bisogna considerare i modelli forniti di accessori, solitamente si va da quelli base a dei set completi che lo rendono particolarmente utile e versatile in cucina.