L’artista No Curves nei padiglioni dell’Agroalimentare di Milano

214

Un atelier d’arte contemporanea tra i banchi del mercato, per vivere e raccontare il lavoro di ieri, di oggi e quello di domani attraverso la tape art (l’arte di creare opere con il nastro adesivo) dell’artista No Curves. È l’essenza del progetto Mercabot, al via in questi giorni negli spazi del Mercato Agroalimentare di Milano grazie ad un accordo tra Sogemi e No Curves. L’artista e il suo staff hanno iniziato a lavorare immersi nella realtà del mercato per creare l’allestimento di uno spazio che aprirà al pubblico in autunno e diverrà location di una mostra importante con eventi e conferenze a tema. Mercabot, ideato da Sara Baroni, esperta di marketing e comunicazione, vuole raccontare il saper fare del Mercato Agroalimentare di Milano, che viene dal passato e guarda al futuro, attraverso il linguaggio pop e futurista di No Curves. No Curves si cimenterà in un’esplorazione che dai mestieri nel tempo attraversa il presente del lavoro delle persone e sfida il futuro dei robot per mostrare alla città il Mercato che non vediamo, il mondo nascosto della tradizione (che però ci supporta invisibile tutti i giorni con il suo lavoro) e il mondo visibile della società contemporanea, pronti ad essere uniti per accompagnarci nel futuro. La parola stessa Mercabot – Mercato + Robot – racchiude in sé il passato, il presente e futuro della nostra città che vive intorno al food e trova nell’attività del Mercato la garanzia di freschezza, qualità, e sicurezza.