Operazione Fraudatores. Arresti all’Aquila e Reggio Calabria

I Carabinieri del Comando di Provinciale di Messina, agli ordini del colonnello Jacopo Mannucci Benincasa, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale peloritano su richiesta della Procura della Repubblica messinese, guidata dal Procuratore Maurizio De Lucia, a carico di 5 persone ritenute. Gli arresti sono stati eseguiti all’Aquila e a Reggio Calabria.

Gli arrestati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico o telematico e sostituzione di persona. Insieme alla misura cautelare personale è stata data esecuzione anche ad un decreto di sequestro preventivo, disposto nei confronti dei conti correnti e depositi bancari nella disponibilità degli indagati, per un valore complessivo di oltre 1,2 milioni di euro.

Il provvedimento restrittivo scaturisce da una complessa attività di indagine, denominata “Fraudatores“, avviata nel febbraio 2018 dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Messina in collaborazione con il Reparto Indagini Telematiche del ROS, coordinata dal sostituto Procuratore della Repubblica Antonella Fradà. Gli esiti dell’inchiesta “hanno permesso di comprovare l’operatività di un gruppo di cyber criminali, con base nella fascia ionica reggina e attivo sull’intero territorio nazionale, specializzato nel sottrarre ingenti somme di denaro da diverse centinaia di conti correnti bancari on line”.

Riceviamo e pubblichiamo la nota pervenuta in redazione da Assocertificatori

“Assocertificatori – l’associazione dei principali certificatori accreditati e operanti in Italia per il rilascio di firma digitale e posta elettronica certificata nonché per l’erogazione di servizi di conservazione digitale a norma – interviene con una precisazione in merito ad alcune recenti notizie apparse su diversi media italiani.

I servizi giornalistici hanno riferito di un’indagine del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, coordinata dalla Procura della Repubblica della città peloritana. Tale indagine ha comportato alcuni provvedimenti restrittivi a carico di cinque soggetti per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico o telematico e sostituzione di persona.

In talune cronache sono stati menzionati anche i nomi di alcuni gestori e/o soluzioni di PEC Posta Elettronica Certificata, con un possibile danno d’immagine per le aziende e/o i prodotti citati. Inoltre, gli articoli, in alcuni casi, interpretano erroneamente l’accaduto facendo emergere delle ipotetiche falle di sicurezza della PEC, che invece non esistono, in quanto la tecnologia PEC non è stata in nessun modo violata.

A questo proposito, Assocertificatori precisa che:

1. L’attività oggetto di indagine sembra configurarsi – proprio secondo le suddette cronache – come una truffa sofisticata perpetrata ai danni di ignari correntisti mediante la “sostituzione” illecita di alcune caselle PEC ufficiali degli istituti di credito, già iscritte negli appositi elenchi pubblici, con altre caselle PEC non registrate da tali istituti, ma dai soggetti indagati.
2. Il rilascio delle caselle PEC da parte dei certificatori accreditati è, comunque, avvenuto in piena conformità con le norme vigenti e le procedure prescritte.
3. Nessuna violazione dei sistemi informatici di tali Gestori e delle loro procedure di gestione del servizio PEC o di altre misure di sicurezza relative al sistema di Posta Elettronica Certificata nel suo complesso, è in alcun modo avvenuta.
4. La frode è, invece, stata compiuta mediante comuni tecniche di cyber attack (quali, ad esempio, sostituzione di persona e social engineering) ai danni di alcune organizzazioni, ma non ha coinvolto i Gestori di Posta Elettronica Certificata e la tecnologia PEC nel suo complesso, che invece resta un sistema di comunicazione sicuro e totalmente affidabile
5. Al contrario, l’utilizzo di caselle PEC al posto delle comuni email, ha permesso la rapida identificazione dei presunti colpevoli proprio grazie ai requisiti di sicurezza e tracciabilità previsti dalla normativa.

Assocertificatori invita cortesemente i mezzi di informazione a riportare tale precisazione e a rimuovere, dai propri articoli, gli eventuali riferimenti ai Gestori e alle loro soluzioni di PEC Posta Elettronica Certificata, onde evitare ulteriori danni alla reputazione di tali Gestori presenti nella suddetta indagine unicamente quali parte lesa.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin